Cose da Pazzi

Cose da Pazzi

Sindaco Marino si dimetta subito. Ne va della sua dignità

A chi mi chiedeva su che basi preannunciavo, sin dallo scorso gennaio, la prematura dipartita politica del sindaco Marino, scrivendo che a Roma si sarebbe votato nel 2015 dopo le sue dimissioni, ho sempre risposto: prima o poi il branco dei renziani chiederà il conto.

E il conto sta arrivando, sull’onda dell’eccezionale risultato elettorale a Roma e nel Lazio. Nel Pd si contano i voti e le diverse cordate dei renziani stanno affilando le armi. E sì, perché dirsi renziani oggi nel Pd è un po’ come definirsi appartenenti al “genere umano”. Tutti sono oramai renziani, ma sussiste una differenza di appartenenza a seconda del capo cordata. Ad oggi abbiamo quelli di Gasbarra e quelli di Bettini. I primi hanno vinto, i secondi hanno perso. E’ il quadro che viene fuori dal conteggio delle preferenze.

Con Bettini fuggito nel buen retiro di Bruxelles, Gasbarra, terzo nelle preferenze dietro alla giovanissima Bonafè e al sempre verde Sassoli, detta la linea, “Roma si deve allineare al fuso orario di Palazzo Chigi”. Ma sarebbe meglio dire: a Roma adesso comandiamo noi. Sicché è tempo di ridefinire i ruoli, ma soprattutto i posti. E così la giunta Marino perde mese dopo mese un pezzo. Ma la verità è che finché la sua testa non cadrà nel cesto, gli appetiti dei renziani non saranno placati. D’altronde, la stagione dell’oblio della politica è finita. Ricordate quando i partiti erano al lumicino tanto da lasciare la guida del Paese ad un tecnico come Mario Monti? E quando a Roma nessuno di questi grandi esponenti politici, che oggi rivendicano la portentosa vittoria del Pd a trazione renziana, aveva il coraggio di candidarsi, lasciando il proscenio a Ignazio Marino? Ecco, adesso che il Pd si è riconciliato con l’elettorato, è tempo di tornare a riprendersi quello che si era lasciato in mano al Marziano. L’assessore Barca ha sin da subito capito l’antifona e, da gran donna di classe qual è, ha tolto dignitosamente il disturbo, dimettendosi un attimo dopo la tornata elettorale delle europee.

Adesso è il tempo in cui i lupi del grande branco renziano inizieranno a sbranarsi tra di loro e sbranare Marino laddove dovesse arroccarsi sulle proprie posizioni. D'altronde Marino è una persona onesta, ma di amministrazione capisce ben poco ed è circondato da persone che non hanno esperienza politica. A questo si aggiunga il personale politico nei municipi, incapace di governare e di aiutare il sindaco, poiché le giunte locali non sono formate dalle migliori risorse disponibili, ma degli accordi delle Primarie. Strumento ormai andato fuori moda, dopo la presa del potere da parte di Renzi

Rimpastino? Ma no, che siamo scemi! Pare si siano detti i piddini, rinvigoriti dalla sbornia elettorale. Qui non è tempo di aggiusti, rattoppi. Qui bisogna scoperchiare tutto. E difatti Lorenza Bonaccorsi, la vestale dell’Auditorium di via della Conciliazione fa sapere che, “Non sono d'accordo a nessun tipo di rimpasto che sia figlio di sistemazioni correntizie con manuale Cencelli e bilancino. Se c'è un discorso alto, un'idea di rilancio, di prospettiva, un'idea di Roma allora si può discutere e sono disponibile a mettermi al servizio della città. Ma solo a queste condizioni altrimenti non ci metteremo neanche a tavolino. Non serve a Roma sistemare questo o quel pezzetto, Roma ha bisogno di uno sguardo alto”. Lei si mette al servizio della città, come lo stesso Gasbarra che fa sapere “Sarò a Bruxelles, ma con gli occhi puntati sulla Capitale”. Brividi lungo la schiena.

Che saltino gli assessori, che sia commissariato il sindaco Marino, non solo dal Mef (do ut des per il Salva Roma), ma pure da qualcuno che defenestri Luigi Nieri da vice sindaco e segua da vicino quel mattacchione di Marino. Ma pare che non basti neanche questo. E lo si può evincere dalle dichiarazioni che hanno rilasciato Gasbarra e Lorenza Bonaccorsi. Già pronti sulla rampa di lancio per la loro futura candidatura a sindaco di Roma per il Centrosinistra. Semmai ve ne fosse bisogno, si faranno le Primarie.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Tanto vale che Marino rassegni subito le dimissioni. Che chiuda questa tragicommedia in cui stanno volando gli stracci. D’altronde ad un uomo puoi togliere tutto. Tranne la sua dignità.

Cose da Pazzi

" Cronache locali, cronache marziane, sceneggiature per lungometraggi nel cassetto. Il mantra è ""ci sono diversi punti di vista ma la verità è una sola"", con buona pace del Pensiero debole. "

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (3)

  • Il sindaco marino dovrebbe dimettersi solo per aver permesso l'aumento del permesso per il centro più del 300% passando da 600 e qualcosa a 2031,00 € facendo si che chi lavorava al centro non possa più farlo ,la cosa grave e' che nessuno ne parla!!!!!!!nessuno faccia nulla ,ma come si fa' parlateneeeeeeee

  • Il forum di Romatoday inizia a diventare un po' troppo rigido nella censura comunque.......non si può più scrivere nulla senza l'approvazione di un moderatore. Fate prima a chiudere la sezione commenti se non è possibile scrivere più neanche in modo ironico.

  • Ma perchè Marino è sindaco di Roma? Davvero? E da quando? La notizia mi giunge nuova.............pensavo fosse stato nominato cerimoniere delle cause inutili.

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento