rotate-mobile
Mercoledì, 29 Giugno 2022
Avvocato del Cittadino

Opinioni

Avvocato del Cittadino

A cura di Emanuela Astolfi

Separazione, casa coniugale di proprietà dei suoceri

"La in cui viviamo è intestata a mio suocero, se mi separo mio marito dice che me ne devo andare, è così?” A scrivere è Maria, chiedendomi di affrontare il tema su questo blog ed approfitto della sua richiesta anche considerando che questa domanda  viene posta spesso anche al nostro sportello legale dedicato al diritto di famiglia.

Partiamo da un presupposto: l’assegnazione della casa coniugale segue l’affidamento dei figli. Non importa se l’immobile è di proprietà del marito, della moglie o dei suoceri; l’assegnazione della casa avverrà al coniuge presso cui saranno collocati i figli in quanto ad essere tutelato è proprio l’interesse della prole (che va preservata da ulteriori traumi oltre a quello della separazione stessa). Quindi, per rispondere a Maria: la casa familiare rimarrà nella disponibilità materiale del genitore cui sono collocati i figli minori o maggiorenni non economicamente indipendenti, anche se è di proprietà di tuo suocero.

Chi invece non ha figli,  la questione casa familiare va valutata solo sulla considerazione della situazione economica delle parti come unico termine di significativo riferimento. Se l’immobile è del suocero, andrà rilasciato (a meno che non si trovino accordi consensuali): infatti, ad un eventuale mantenimento del consorte è chiamato il coniuge e non la sua stessa famiglia di origine

In ogni caso, anche in presenza di figli minori, il suocero può rientrare in possesso della casa coniugale dimostrando la sopravvenienza di un bisogno urgente ed imprevisto, come ad esempio, l’uso diretto e personale dell’immobile o un deterioramento delle proprie condizioni economiche.     

Per una consulenza con i legali di Associazione Astolfi è necessario prenotarsi allo 06.45433408 o richiedere un parere anche online.

Separazione, casa coniugale di proprietà dei suoceri

RomaToday è in caricamento