Abitare Roma: le parole per dirlo

Abitare Roma: le parole per dirlo

Case e caldarroste per salvare Roma

La scorsa settimana Marino ha riferito in Commissione Bilancio alla Camera cosa intende fare per mettere in sesto i conti di Roma. Tra queste: aumento della tassa di occupazione del suolo pubblico e condoni

Uscendo dall’audizione alla Camera dove ha iniziato a riferire sulle modalità con cui Roma, entro il  prossimo 4 giugno, dovrà indicare come far fronte ai propri impegni di bilancio, il Sindaco Marino ha fatto riferimento alla tassa sull’occupazione del suolo pubblico.

Si è detto (giustamente) scandalizzato che i venditori di caldarroste pagassero, per occupare il loro metro quadro in cui svolgono la propria attività, la cifra  giornaliera di 3 euro. Inferiore al costo di un cartoccio che, di euro, ne costerebbe addirittura 4! Insomma il sistema di tassazione  dell’occupazione del suolo pubblico è da rivedere.

Nelle stesse ore, l’assessora al bilancio  Daniela Morgante, ha fatto, quello che poi dovrebbe essere il suo mestiere, due conti. Ha tralasciato caldarroste per annunciare il rafforzamento degli uffici del condono edilizio. Con il rilascio accelerato per la sanatoria  dei delitti urbanistici (grandi e piccoli) il Comune  drenerà denaro fresco.

Sindaco e assessora, con due semplici “annunci”, hanno trovato le parole per dire che caldarroste e case, al contrario di quello che saremmo portati  a pensare, sottendono la medesima parola: spazio.

Lo spazio che c’è e dovrebbe restare libero tra gli edifici. Le  strade e piazze  che le caldarroste, ma anche: tavolini, chioschi, cassette, camion bar, bancarelle, dehors…occupano voracemente metro dopo metro.

 Lo spazio che  c’era e ora non c’è più. Non solo tra le case, ma anche tra:  costruito e brani di campagna, giardini, cortili interni, aree dove era stato deciso di non far costruire e che ora vede saldamente piantate case e  capannoni.  Lo spazio  dove  un ‘enorme melassa edilizia ha chiesto, pagando, di essere legittimata. Dopo essersene impossessata senza neppure tanti complimenti.

Dati i precedenti e  l‘accanimento dei propri emendamenti taglia-tutto in occasione della votazione del decreto al Senato, è immaginabile che la senatrice  Linda Lanzillotta non si sia affatto sentita rassicurata dai primi punti programmatici indicati dal Sindaco nel corso dell’audizione.  Naturalmente  Marino ha detto anche altro: i privati potranno acquisire parti delle municipalizzate, si venderanno pezzi del patrimonio pubblico. Ci mancherebbe!

Si può trovare il miliardo che mancherà al prossimo bilancio con le caldarroste e con i condoni? Si sarà chiesta, tuttavia,  la suddetta  tenace senatrice ora di Scelta Civica.

Vorrei aiutarla.

Secondo la matematica e la ragioneria sicuramente no.  Si secondo l’urbanistica anche se, trattandosi di Roma dovremmo, forse, smetterla di far riferimento a questa disciplina che in questa città  e non solo in questa, sembra aver perso, ormai da tempo, il proprio compito.

Sindaco e assessora hanno dimostrato, infatti, fin dalla prima audizione d’aver ben compreso quello che il Governo gli ha chiesto, e soprattutto, come fare per  rispondere. Non hanno ancora svolto il tema certo. Per questo del resto è già varata la cabina di regia dove, tra gli altri, è chiamato a farne parte anche chi, quale assessore al bilancio al tempo di Veltroni, di come quel peso debitorio (almeno in parte) si è accumulato dovrebbe saperlo. Questo tuttavia  è solo un dettaglio procedurale.

Sindaco e Assessore, con caldarroste e condoni, hanno detto chiaramente che i soldi saranno trovati  lavorando sullo spazio.  Non certo per definirlo e programmarlo, quanto,  per chiamarlo, una volta per tutte con il proprio nome: luogo merce per eccellenza della città.  Uno spazio da offrire  a tutti quelli che pagando e impossessandosene  disegneranno  il nostro abitare. Caldarrostai  ed ex abusivi, pardon “sanati” compresi, e naturalmente tanti altri….  

L’urbanistica una volta  chiamava  lo straripare del  commerciale nello spazio pubblico nella città, così come l’abusivismo,  un illecito.

Quando servono i soldi tutto è lecito.

Sindaco e  assessora sembrano pensarla  diversamente da San Paolo  “tutto è lecito, ma non tutto edifica”.

Abitare Roma: le parole per dirlo

" Antonello Sotgia. Architetto. Convinto che la ""città è opera collettiva per eccellenza"", non riesce a darsi una ragione del perché si permetta alla rendita dei ""pochi"" di cancellare l'abitare dei ""molti"". "

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Torna su
RomaToday è in caricamento