Test molecolari Covid-19: referti in 24 ore nei Centri di Roma e provincia Lifebrain Lazio

Graziella Calugi, Responsabile Scientifico del Gruppo Lifebrain, spiega i test Covid disponibili e l’importanza della rapidità nella refertazione

Tamponi molecolari, test rapidi antigenici, test sierologici: sono questi al momento, gli strumenti per identificare l’infezione da SARS-CoV-2. Ognuno di questi test, come sappiamo, ha caratteristiche diverse e risponde a differenti criteri di utilità, a seconda dell’obiettivo: dalla diagnosi clinica in un preciso momento, necessaria a rilevare i soggetti positivi nel loro reale periodo di contagiosità, al tracciamento e fino ad arrivare alle attività di sorveglianza.

Se è vero che dopo oltre un anno di pandemia siamo molto migliorati nella strategia delle 3T (testare, tracciare, trattare) la disponibilità di test affidabili, sensibili e rapidi rimane il focus principale, necessario ad arginare i contagi e quindi la pandemia.
Per rilevare l’infezione da SARS-CoV-2, sono a oggi disponibili diversi tipi di test, anche se è necessario sottolineare che questi hanno caratteristiche analitiche differenti e pertanto è necessaria una strategia mirata all’utilizzo clinico appropriato.

Test antigenici e Test molecolari, un po' di chiarezza

Per fare chiarezza, abbiamo chiesto a Graziella Calugi – Responsabile Scientifico del Gruppo Lifebrain, di aiutarci a capire come orientarsi tra test molecolare e test antigenico.

“I test antigenici si basano su un metodo immunocromatografico o in immunofluorescenza e rilevano le proteine del virus SARS-CoV-2 a partire da un campione nasofaringeo (tampone): si stanno rivelando molto utili negli screening di massa (ad esempio negli aeroporti) per il loro costo ridotto e la velocità di risposta, 15-30 minuti massimo - sottolinea la Dottoressa Calugi - La sensibilità e la specificità del cosiddetto test rapido però, - precisa la Calugi- sono inferiori rispetto a quelle del test molecolare, pertanto chi risulta positivo al test rapido dovrebbe poi sottoporsi al test molecolare per veder confermata la diagnosi di infezione ed escludere si sia trattato di un cosiddetto falso-positivo, come anche un falso negativo in un soggetto a forte rischio clinico di infezione, deve essere confermato con test molecolare”. 

Il Gold Standard per la diagnosi di SARS-CoV-2, quindi, rimane sempre il test molecolare o tampone, che “ricerca direttamente l’RNA del virus con tecniche di biologia molecolare (Reverse Real-Time PCR) a partire da un campione delle vie aeree del paziente. Il test identifica i soggetti positivi come infettivi, siano sintomatici o asintomatici”, sottolinea la Calugi.

Il tampone naso/oro-faringeo, quindi, è un esame non invasivo che consiste nel prelievo del muco che riveste le cellule superficiali della mucosa del rinofaringe (la parte superiore del canale della faringe) e dell’orofaringe (la parte della faringe posta dietro al cavo orale). Il tampone va eseguito con accuratezza e in maniera corretta, pertanto è fondamentale affidarsi a operatori specializzati che garantiscano l’adeguata raccolta del campione. 

Nel Lazio l’analisi deve essere effettuata presso i laboratori di riferimento regionali e i laboratori aggiuntivi individuati dalla Regione, secondo le modalità concordate con il Laboratorio di Riferimento Nazionale dell’Istituto Superiore di Sanità.

Referto in 24 ore nei Centri di Roma e provincia Lifebrain del Lazio

“I pazienti dei Centri Lifebrain del Lazio possono effettuare il tampone per la ricerca del SARS-CoV-2 (test molecolare), il più affidabile per la diagnosi di infezione da SARS-CoV-2, vedendo garantita la relativa refertazione in 24 ore. Questo è il frutto di un impegno concreto e massivo del Gruppo nella lotta alla pandemia, che conferma l’impegno e la volontà di arginare i contagi, limitando la diffusione del virus. Aumentare il numero dei test giornalieri, garantendo la rapidità nella refertazione, rappresenta la miglior arma per arginare l’insorgenza di focolai di Covid-19 ed è quindi un grande passo nella lotta alla pandemia”, afferma la dottoressa Calugi.

“Il nostro obiettivo è anche quello di garantire un punto di riferimento affidabile, presente e capillare sul territorio, in grado di mettere il paziente al centro”, conclude la Calugi.

È possibile prenotare il tampone molecolare direttamente online sul sito lifebrain.it selezionando il centro Lifebrain più vicino.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Sono una stagista di Palazzo Chigi, cascate male": la minaccia di una 25enne fermata durante il coprifuoco

  • Coronavirus, dal 26 aprile la zona gialla: ecco cosa cambia

  • Nubifragio a Roma: grandine e pioggia. La conta dei danni tra strade allagate e alberi caduti

  • Voragine sui Colli Portuensi, camion sprofonda nell'asfalto

  • Modella americana precipita dalla finestra del B&B e muore

  • Guardia giurata pulisce la pistola, parte un colpo e uccide la cognata

Torna su
RomaToday è in caricamento