rotate-mobile
Domenica, 23 Giugno 2024
Salute

Pronto soccorso in estate, istruzioni per l’uso: quando serve andare e quando no

Il professor Manetti spiega quando è necessario rivolgersi al pronto soccorso e quando è meglio evitare affollamenti che rallentano i servizi in queste settimane di grande caldo

L'eccessivo caldo e le temperature che, nelle scorse settimane, hanno toccato i 43 gradi, hanno aumentato del 30% gli accessi al Pronto Soccorso; inoltre, con il numero record di turisti che, secondo le previsioni, sono in arrivo ad agosto a Roma, l’afflusso di pazienti in Pronto Soccorso per colpi di calore e malesseri rischia di aumentare esponenzialmente, mandando in tilt il sistema. 

Ma è sempre necessario andare in Pronto Soccorso? A rispondere è il dott. Luca Luigi Manetti, responsabile del Pronto Soccorso di Ospedale San Carlo di Nancy, ospedale romano di GVM Care & Research accreditato con il SSN, al quale si rivolgono circa 75 persone ogni giorno.

Estate e malesseri, quando andare al Pronto Soccorso

Il Pronto Soccorso d’estate diventa spesso luogo di riferimento sia per i residenti (85%) sia per i turisti, che corrispondono al 15% del totale di pazienti ricevuti presso il San Carlo di Nancy durante tutto l’anno. Il cittadino però può rivolgersi, anche durante il periodo estivo, al proprio medico curante che viene sostituito da un collega nel momento delle ferie. Inoltre, quando si è in una città diversa da quella di residenza, la guardia medica turistica o il medico di continuità assistenziale sono i luoghi adatti a cui rivolgersi per consulti e visite non urgenti, oppure durante i giorni festivi e le ore notturne di chiusura dello studio del medico curante.

Quando è opportuno rivolgersi al PS o chiamare il 118?

“È corretto rivolgersi al Pronto Soccorso in situazioni di emergenza e urgenza, come un malore improvviso o un incidente, ovvero quando si riscontra una sintomatologia acuta nuova o una riacutizzazione di una patologia cronica – ha spiegato il dott. Manetti –. Registriamo circa il 30% di accessi che richiederebbero una visita specialistica. Sul totale degli accessi circa il 70% corrisponde ad un evento acuto di cui il 35% è d’ambito traumatologico. Solo 1 accesso su 10 si traduce in un ricovero”.

Nella Regione Lazio si sta progressivamente adottando un sistema a 5 codici di accesso: “bianco”- non urgente (l’1,82% degli accessi presso il San Carlo di Nancy) che andrebbe riferito a visite specialistiche ambulatoriali, come ad esempio un dolore al ginocchio che perdura da giorni; “verde”- urgenza minore, come ad esempio un trauma minore localizzato, che corrisponde alla percentuale più alta degli accessi presso il PS del San Carlo di Nancy (59,48%); “blu”- urgenza differibile, che deve essere tuttavia valutata in breve tempo (32,93% degli accessi a OSCN), come ad esempio un dolore addominale; “arancione”- urgenza (4,91%), che deve essere valutata entro pochi minuti, ad esempio nel caso di un dolore al torace con determinati parametri non allarmanti; “rosso”- emergenza (0,75%), ad esempio quando il paziente ha un’alterazione dei parametri vitali, il caso deve essere valutato immediatamente in sala visita.

Secondo una circolare del Ministero della Salute del 17 luglio 2023, i PS laziali partecipano alla campagna per sensibilizzare i cittadini ad adottare comportamenti per contrastare gli effetti delle temperature elevate ed hanno inoltre attivato il “codice calore”: un percorso assistenziale preferenziale e differenziato per i pazienti con una sintomatologia legata alle condizioni climatiche, che prevede un’indicazione al triage per rendere più veloce la gestione di questi casi.

“Il triage consiste in una valutazione di primo impatto sui sintomi e serve ad assegnare il codice di priorità – ha spiegato il dott. Manetti –. Qui al PS dell’Ospedale San Carlo di Nancy siamo organizzati per effettuare anche il triage avanzato, per i pazienti che riportano una sintomatologia di tipo medico, con il coinvolgimento di un secondo operatore che avvia in autonomia i primi accertamenti. È presente anche il percorso “fast track” che prevede l’invio diretto del paziente ad una visita specialistica subito dopo il triage".

Le diverse consulenze specialistiche a cui si può accedere dal PS a OSCN avvengono in ambiti quali cardiologia, cardiochirurgia, angiologia, urologia, ginecologia, otorinolaringoiatria, oculistica, ortopedia, chirurgia, neurochirurgia, gastroenterologia. Questo sistema organizzativo ha consentito inoltre di ridurre i tempi di attesa: si va da un codice bianco avviato in circa tre quarti d’ora, ad un codice arancione preso in carico entro pochi minuti (il codice rosso ha accesso immediato).

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pronto soccorso in estate, istruzioni per l’uso: quando serve andare e quando no

RomaToday è in caricamento