rotate-mobile
Salute

Infortuni da Padel e come prevenirli: intervista al professor Francesco Franceschi

Il primario di ortopedia dell'Ospedale San Pietro Fatebenefratelli di Roma spiega come affrontare questo sport senza rischi e cosa fare in caso di traumi

Negli ultimi anni il padel ha preso piede nei centri sportivi di tutta Italia, portando alla realizzazione di nuovi campi che potessero soddisfare a pieno le richieste degli utenti. Il padel, dunque, non è più una moda, ma una realtà che - attualmente - conta oltre un milione di praticanti in tutta Italia e oltre 8mila campi.

Chi ha avuto modo di approcciarsi a questa attività si è reso conto che non si tratta di un gioco (come diversi neofiti credevano), ma di un vero e proprio sport che, se non svolto correttamente e con la giusta preparazione, può riservare brutte sorprese. Si può incappare in spiacevoli situazioni, quali fratture alle caviglie, lesioni meniscali, crociati, collaterali del ginocchio, lussazione della spalla, tendiniti da gomito del tennista e infiammazioni varie della cuffia dei rotatori.

Ne abbiamo parlato con il Prof. Francesco Franceschi, Primario di Ortopedia presso l'Ospedale San Pietro Fatebenefratelli di Roma, e Professore associato di Ortopedia presso la facoltà di medicina e chirurgia del’Unicamillus, da sempre anche in prima linea mettendo a disposizione la sua professionalità di fama internazionale a favore degli atleti e di tutti i pazienti. 

Come bisogna affrontare questo sport per evitare problemi?
Sicuramente non dobbiamo abbandonare la scrivania ed andare direttamente sul campo di padel a giocare ma dobbiamo curare una preparazione  atletica che ci porti ad evitare infortuni molto frequenti in questo tipo di sport.

Quali sono i rischi che si corrono?
Spesso i pazienti che devo curare sono affetti da strappi muscolari dovuti ad un mancato riscaldamento, a lesioni meniscali dovute alla rotazione forzata del ginocchio o a problemi ai tendini della spalla causati dai movimenti forzati che avvengono nel chiudere i colpi conla racchetta da padel.  A volte ho dovuto curare tante persone per traumi dovuti ad urti improvvisi.

Quanto conta in generale una buona preparazione fisica ed un buon riscaldamento pre-partita?
Sono entrambi fondamentali per far lavorare bene le ginocchia e le spalle  dal punto di vista muscolare e lo stretching soprattutto per allungare i nostri legamenti e le nostre fascie muscolari in modo da evitare strappi o stiramenti

È uno sport per tutte le età oppure c’è qualche limitazione secondo lei?
L’importante è la preparazione atletica. Si può giocare  aqualsiasi età purche non si soffra di cardiopatie, oproblemiarticolari precedenti. Ho addirittura parecchi pazienti operati di protesi di ginocchio, anca e spalla che non sono dei campioni ma sicuramente si divertono con la racchetta in mano.

Quali sono le differenze ed i rischi rispetto al tennis? E sono gli stessi sia per donne che per gli uomini?
Parecchi tennisti giocano a padel pensando che sia estremamente semplice il passaggio da uno sport all’altro ma in realtà non è cosi’. Il campo è piu corto e l’aderenza al terreno di gioco è sicuramente maggiore per cui i frequenti cambi di direzione possono portare a problemi alle ginocchia. Giocatori con lassità articolare possono subire ad esempio lussazioni di spalla e questo e piu frequente nelle donne

Quanto conta la scelta delle scarpe e della racchetta?
Se si gioca frequentemente  una scarpa stabile e  con un buon plantare è indicata e soprattutto una racchetta antivibrazione specialmente per chi è affetto da tendinite cronica a livello del gomito e della spalla.

Sappiamo che ha una grande esperienza con atleti olimpici di altri sport, ma se dovesse tracciare un bilancio da quando è nato il padel, ci racconta quali sono stati gli interventi più frequenti che ha eseguito.
Io sono piu conosciuto per la chirurgia della spalla per cui tante persone mi raggiungono soprattutto per interventi di riparazione dei legamenti e dei tendini di questa articolazione principalmente in artroscopia in seguito a lussazioni di spalla, piccole lesioni dei tendini della cuffia dei rotatori e dei legamenti stessi. Per quanto riguarda le ginocchia ho effettuato molte artroscopie per lesioni meniscali. E qualche ricostruzione di legamento crociato.

Se esiste, ci può raccontare un aneddoto su qualche paziente che gioca a padel che ha visitato?  
Sì, mi ricordo in particolare di un paziente che purtroppo si è fratturato addirittura la spalla precipitando su uno dei paletti che tengono la rete.

Infine, come bisogna fare per un’ottima riabilitazione per tornare a giocare il prima possibile e fare infiltrazioni può accellerare e agevolare il processo?
La riabilitazione come in ogni trauma delle articolazioni è fondamentale in particolare nel post-operatorio un bravo chirurgo si deve sempre affidare ad un ottimo fisioterapista per avere un risultato completo ed ottimale per i propri pazienti.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Infortuni da Padel e come prevenirli: intervista al professor Francesco Franceschi

RomaToday è in caricamento