Mal di testa "dietro agli occhi": le cause, come si manifesta e come prevenirlo e curarlo

L'analisi ad opera di Lenstore e Kaizen sulla dolorosa condizione dei mal di testa che colpiscono gli occhi: dalle cause ai rimedi, passando per prevenzione e protezione della vista

Mal di testa, emicrania: ne soffrono tantissime persone e, spesso, possono essere accompagnati da stordimento, nausea e dolore di stomaco. Kaizen, l'agenzia di Digital Pr di Londra, ha collaborato con l'e-commerce Lenstore, per analizzare i diversi tipi di mal di testa che colpiscono l’occhio, conoscere le conseguenze che questi possono avere sulla vista e trovare i modi per prevenirli e curarli. 

Vediamo cosa hanno scoperto:

Mal di testa ‘dietro agli occhi’: cos'è?

Con il diffondersi della modalità lavorativa smart-working, in molti si sono ritrovati a lavorare in condizioni non ideali per la postura e per la vista, in particolare per la mancanza di un adeguato supporto schienale, la distanza dagli schermi e gli spazi comodi: tutte condizioni che concorrono ad aumentare la possibilità di sviluppare mal di testa, emicranie e altri tipi di malesseri.

Capita spesso, infatti, che il mal di testa sia il risultato di un uso prolungato di strumenti digitali al lavoro e a casa, e si manifesta con un lieve dolore localizzato sulla fronte e sulle tempie, che si intensifica man mano che le ore (o in alcuni casi giorni) passano.

Mal di testa: rimedi naturali ed esercizi per prevenirlo e combatterlo

Tipi di mal di testa dietro agli occhi

Vediamo quali sono i più comuni tipi di mal di testa che colpiscono l'area dietro agli occhi sono:

  • mal di testa frontale - che si manifesta come un dolore lieve o acuto sulla fronte e sulle tempie, e che generalmente è causato dallo stress ma anche da disidratazione, problemi posturali e affaticamento agli occhi, spesso dovuto ad una costante esposizione agli schermi.
  • cefalea a grappolo -  che si manifesta in mal di testa di breve durata ripetuti durante il corso della giornata, solitamente su un lato solo del cranio. Sono generalmente piuttosto dolorosi e possono essere preceduti da altri sintomi, come occhi rossi o lacrimanti, gonfiori, arrossamento della pelle e problemi di congestione. 
  • nevralgia occipitale - un tipo di mal di testa che si localizza nella parte superiore del collo o dietro al capo, e si sposta in un secondo momento anche dietro agli occhi e sullo scalpo. Si manifesta in singole fitte di dolore oppure una sola fitta costante, di solito colpisce chi soffre già di emicrania, ed è il risultato di irritazioni o lesioni dei nervi occipitali, rendendo chi è affetto da questo tipo di mal di testa particolarmente sensibile alla luce.
  • emicrania - l’emicrania è una forma di mal di testa accompagnata da alcuni sintomi ricorrenti, come nausea, vomito e sensibilità alla luce e al suono. Esistono tre tipi diversi di emicrania: l’emicrania con aura, in cui la condizione è preceduta da sintomi come la percezione di luci lampeggianti che ne impediscono la vista, punti ciechi, o altri cambiamenti che colpiscono la capacità visiva di entrambi gli occhi; l’emicrania senza l’aura, che è il tipo più comune di emicrania, e non presenta alcun segnale d’allarme; infine l’emicrania con aura senza mal di testa, che si manifesta quando il paziente avverte i sintomi di un’emicrania senza avvertire necessariamente il mal di testa. 

Prevenire e curare il mal di testa ‘dietro agli occhi’

Ci sono antidolorici e medicinali efficaci per la cura del mal di testa dietro agli occhi, ma ci sono ottime abitudini che permettono di prevenirlo. Vediamo quali:

  • sonno regolare - il sonno irregolare, che consiste nel dormire poco o dormire troppo a lungo, può essere causa di mal di testa: è fondamentale, quindi, dormire dalle sei alle otto ore al giorno ogni notte. 
  • attività fisica -  assicurarsi di avere uno stile di vita piuttosto attivo e trascorrere del tempo all’aria aperta aiuta a mantenerci in salute.
  • postura fisica - un posizionamento scorretto della spina dorsale può danneggiare i nervi e causare mal di testa: utilizza degli strumenti di supporto schienale, e prenditi delle pause regolari in cui passeggiare e fare stretching.
  • postazione lavorativa comoda - ricorda di posizionare gli schermi a 50-100 cm di distanza dal viso, per ridurre l’affaticamento agli occhi e per evitare di inclinare la schiena in posizioni dannose per il corpo. Inoltre, è bene prendersi delle pause regolari dagli schermi, e ogni 20 minuti fissare un oggetto lontano 20 metri per 20 secondi. 
  • idratazione - la disidratazione è una delle cause principali di mal di testa: assicurati di bere acqua frequentemente, così da prevenire mal di testa e secchezza agli occhi. 
  • medicinali - i mal di testa generali si possono alleviare con antidolorifici acquistabili direttamente in farmacia, tuttavia, in presenza di emicrania, è consigliabile consultare il proprio medico e valutare diverse opzioni. 
  • riposo - a volte, per alleviare il mal di testa, è sufficiente sdraiarsi in una stanza silenziosa e al buio.
  • massaggio - un massaggio alla testa può aiutare a ridurre la tensione che contribuisce al dolore provocato dall’emicrania. 
  • impacchi - impacchi caldi o freddi sulla testa possono alleviare il dolore provocato dal mal di testa o dall'emicrania. 
  • esame della vista -  a volte, utilizzare occhiali o lenti a contatto sbagliate può provocare affaticamento agli occhi e mal di testa: fai controlli regolari presso il tuo oculista per assicurarti di essere sulla strada giusta in termini di prescrizioni per la cura degli occhi. 

Tanti sono i fattori che possono provocare mal di testa, ma, se dovessero apparire sintomi inusuali è importante consultare un oculista od un medico. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Orrore a Genzano: fa trekking, trova resti umani e frammenti di bare

  • Il virus viaggia su bus e treni a Roma: i Nas trovano tracce di Covid su pulsanti e maniglie

  • Roma e il Lazio tornano in zona arancione, venerdì il nuovo monitoraggio dell'Iss

  • Lazio in zona arancione, cosa si può fare e cosa è vietato: le regole

  • Coronavirus a Roma e nel Lazio, il bollettino dei nuovi contagi: i dati dell'11 aprile 2021

  • Lazio in zona arancione per un'altra settimana: il report dell'Iss e la decisione ufficiale

Torna su
RomaToday è in caricamento