"Io non sclero", al Gemelli le storie vere di chi convive con la sclerosi multipla

Giovedì 14 novembre, evento gratuito e aperto al pubblico al Policlinico Universitario A. Gemelli IRCCS per parlare di sclerosi multipla attraverso le storie di chi ci convive senza smettere di sognare

Foto da Facebook @iononsclero.it

Giovedì 14 novembre, alle 11, pressola sala Hall - 4° Piano - del Policlinico Universitario A. Gemelli IRCCS (Largo Agostino Gemelli, 8 - Roma) si svolgerà l’evento gratuito e aperto al pubblico "IO NON SCLERO".

Un progetto di informazione sulla sclerosi multipla, sviluppato da Biogen e dall’Osservatorio nazionale sulla salute della donna e di genere (Onda), in collaborazione con l’Associazione Italiana Sclerosi Multipla (AISM) e con il patrocinio della Società Italiana di Neurologia (SIN).

Protagoniste le storie di chi convive con la sclerosi multipla

Protagoniste dell’evento saranno le storie vere di chi convive con la sclerosi multipla. Con il supporto dell’autore e conduttore radiofonico Matteo Caccia, alcuni pazienti racconteranno la propria esperienza con la malattia, fatta di ostacoli quotidiani, ma anche di forza e di voglia di guardare al futuro. 

Dalle loro storie prenderà forma - in tempo reale, di fronte agli occhi del pubblico - una tavola artistica che rimarrà esposta fino al 28novembre presso gli spazidella U.O. Sclerosi Multipla del Policlinico A. Gemelli IRCCS.

Maggiori informazioni su: https://iononsclero.it/il-tour-2019/
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Neve a Roma in settimana? Cosa dicono le previsioni meteo

  • Roma e Lazio in zona arancione: l'annuncio dell'assessore D'Amato

  • Coronavirus, Roma e il Lazio verso la zona arancione: indice Rt e ricoveri oltre la soglia. Cosa cambia

  • Sabato zona gialla a Roma e nel Lazio: il 16 gennaio giornata limbo prima della stretta

  • Coronavirus, a Roma e nel Lazio la situazione sta peggiorando: "Si è perso il controllo dei contagi, vi spiego perché"

  • Zona arancione, oggi si decide per Roma e il Lazio: i romani dovranno abituarsi a nuove regole

Torna su
RomaToday è in caricamento