rotate-mobile
Martedì, 30 Novembre 2021
Salute

Ictus: i minuti contano. L'incontro tra pazienti, caregiver e professioni

A.L.I.Ce. Lazio ha in programma per giovedì 28 ottobre alle ore 18 presso la Libreria Zalib (Via della Penitenza 35) un evento dal titolo: “Ictus, i minuti contano”

Il 29 ottobre si celebra, come ogni anno, la Giornata Mondiale contro l’Ictus Cerebrale e la World Stroke Organization ha voluto – per questa edizione 2021 – accendere i riflettori su quanto sia importante il riconoscimento tempestivo dei sintomi, lanciando il tema “Minutes can save lives”: "1 persona su 4 verrà colpita da ictus nel corso della propria vita, ma ogni minuto è prezioso”: basti pensare che per ogni secondo che si ritarda dopo l'ictus vengono bruciati 32mila neuroni e per ogni minuto ben 1,9 milioni.

“Quando si tratta di ictus, ogni minuto è fondamentale – dichiara Fabrizio Pennacchi, Presidente di A.L.I.Ce. Lazio Odv (Associazione per la Lotta all’Ictus Cerebrale). L’ictus è una patologia tempo-dipendente: i risultati positivi che possono essere ottenuti grazie alle terapie disponibili (trombolisi e trombectomia meccanica) sono strettamente legati, infatti, alla precocità con cui si interviene. È dunque fondamentale riconoscere il prima possibile i sintomi e chiamare il 112 per poter arrivare in tempi rapidi in Ospedale. In questo modo si può pensare di ridurre non solo il rischio di mortalità, ma anche di evitare ictus particolarmente gravi, cercando di limitare danni futuri e soprattutto le conseguenze di disabilità, molto spesso invalidanti, causati da questa malattia”.

A.L.I.Ce. Lazio ha in programma per giovedì 28 ottobre alle ore 18 presso la Libreria Zalib (Via della Penitenza 35) un evento dal titolo: “Ictus, i minuti contano”, un incontro informale con pazienti, caregiver e professionisti della salute con l'obiettivo di coinvolgere ragazzi e giovani adulti informandoli sui sintomi, sulle terapie e su quanto la tempestività di intervento sia di fondamentale importanza.

Debolezza da un lato del corpo, bocca storta, difficoltà a parlare o comprendere (afasia), muovere con minor forza un braccio, una gamba o entrambi, vista sdoppiata o campo visivo ridotto, mal di testa violento e improvviso, insorgenza di uno stato confusionale, non riuscire a coordinare i movimenti né stare in equilibrio: questi sintomi – che si distinguono in base alla sede e all’estensione dell’area del cervello colpita - indicano chiaramente che potrebbe trattarsi di un ictus cerebrale.

Se compare dunque anche uno solo dei sintomi precedentemente illustrati, è necessario chiamare subito il 112 (in quelle regioni dove è attivo il numero unico di emergenza) o il 118 perché è fondamentale che la persona venga portata il più rapidamente possibile negli ospedali, possibilmente dotati dei centri organizzati per il trattamento, cioè le Unità Neurovascolari (Centri Ictus – Stroke Unit). Queste Unita?, reparti altamente specializzati per l’inquadramento clinico-diagnostico-terapeutico e per la miglior gestione della malattia - dalla fase acuta alla riabilitazione neuromotoria e cognitiva precoce fino alla prevenzione delle possibili complicanze, con il trattamento dei fattori di rischio modificabili – sono costituite da personale medico pronto ad intervenire in tempi brevi per ripristinare il flusso sanguigno a livello dei vasi occlusi.

A.L.I.Ce. Lazio Odv è da sempre impegnata in campagne di informazione per favorire la conoscenza dell’ictus cerebrale e dei fattori di rischio che ne favoriscono l’insorgenza, sottolineando che ben l’80% di tutti gli episodi può essere evitato, partendo proprio dalla individuazione delle condizioni sulle quali si può intervenire, grazie a opportune modifiche nel proprio stile di vita e curando alcune patologie che ne possono essere causa.

È necessario attuare tutte le strategie possibili per sensibilizzare i cittadini sul “fattore tempo” perché la finestra temporale per intervenire è racchiusa entro le prime 4,5 - massimo 6 ore, anche se un recente studio pubblicato sulla rivista Stroke (Time to Endovascular Treatment and Outcomes in the DAWN Trial) segnala, riportando numerosi casi, un allargamento della finestra fino a 24 ore per un intervento efficace. Si tratta però di casi in cui i danni cerebrali sono circoscritti.

L’ictus cerebrale, nel nostro Paese, rappresenta la terza causa di morte, dopo le malattie cardiovascolari e le neoplasie. Quasi 150.000 italiani ne vengono colpiti ogni anno e la metà dei superstiti rimane con problemi di disabilità anche grave. In Italia, le persone che hanno avuto un ictus e sono sopravvissute, con esiti più o meno invalidanti, sono oggi circa 1 milione, ma il fenomeno è in crescita sia perché si registra un invecchiamento progressivo della popolazione sia per il miglioramento delle terapie attualmente disponibili.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ictus: i minuti contano. L'incontro tra pazienti, caregiver e professioni

RomaToday è in caricamento