Come distinguere i sintomi dell'allergia dal Covid-19?

Starnuti, congestione nasale, congiuntivite. E' rinite allergica o sono segnali del Coronavirus? Come capirlo e a chi rivolgersi

Congestione nasale, naso che cola, starnuti, congiuntivite e talvolta anche eruzioni cutanee. Sintomi che, puntualmente, con l'arrivo della primavera, accomunano diversi soggetti. E' la tipica allergia di stagione che, solitamente, non preoccupa e si risolve con antistaminici o medicinali appositi ma che, da un anno a questa parte, può generare qualche preoccupazione in più. 

Quella che più correttamente è definita rinite allergica potrebbe talvolta allarmare e far pensare ai sintomi del Covid-19 o, al contrario, potrebbe essere presa alla leggera e nascondere, invece, qualcosa di più grave. Come, dunque, distinguere i sintomi dell'allergia con i sintomi del Coronavirus?

Allergia o Covid: quando allarmarsi

Evitiamo allarmismi inutili e cerchiamo di capire quando i sintomi dell'allergia devono insospettire. Per prima cosa, i soggetti allergici sanno ben riconoscere i sintomi dell'allergia ai pollini, dunque, se in questo periodo dell'anno dovessero puntualmente ripresentarsi come tutti gli altri anni, non c'è da preoccuparsi. Se a questi, però, si aggiunge febbre, oppure, se la terapia prescritta dal medico non produce i soliti effetti dopo alcuni giorni, meglio contattare il medico di base.

Chi non è mai stato allergico, invece, e dovesse iniziare ad avvertire i sintomi da rinite allergica, dovrà chiamare il proprio medico, il quale prescriverà una terapia adeguata. Nel caso in cui - come detto precedentemente - non dovesse sortire gli effetti sperati o, ancora, dovesse presentarsi febbre, sarà opportuno farlo presente al proprio medico o ai numeri regionali per l'emergenza Coronavirus.

Riassumendo, dunque, l'allergia non provoca febbre, il Covid-19 sì. La rinite allergica si allevia in qualche giorno con un'apposita terapia che, al contrario, non sortisce effetti positivi se si tratta del virus. Infine, attenzione agli starnuti: la raffica di starnuti provocata dall'allergia è inconfondibile.

Ma i soggetti allergici sono più a rischio?

Il Ministero della Salute ha dedicato alcune righe al Covid-19 e ai rischi per chi soffre di allergia o asma. Dagli studi finora svolti è emerso che le forme allergiche più lievi, inclusa l'asma allergica lieve, non sono considerate tra i principali fattori di rischio per l'infezione da SARS-CoV-2, o per un esito più sfavorevole.

Invece, l'asma in forma da moderata a grave, in cui i pazienti hanno bisogno di cure quotidiane, è inclusa nelle condizioni polmonari croniche che predispongono a malattie gravi.

I bambini e gli adulti che stanno seguendo una terapia di mantenimento per asma - sottolinea dunque il Ministero della Salute -  devono continuare il trattamento come prescritto dal medico e non devono interrompere la terapia. Se sviluppano sintomi compatibili con Covid-19, dovranno autoisolarsi, informare il proprio medico e monitorare la propria salute come tutti gli altri. Se sopraggiunge difficoltà respiratoria progressiva, si deve cercare immediatamente assistenza medica.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Stanno festeggiando Pasqua in casa": i vicini segnalano, i carabinieri arrivano e multano 10 persone

  • Orrore a Genzano: fa trekking, trova resti umani e frammenti di bare

  • Il virus viaggia su bus e treni a Roma: i Nas trovano tracce di Covid su pulsanti e maniglie

  • Roma e il Lazio tornano in zona arancione, venerdì il nuovo monitoraggio dell'Iss

  • Lazio in zona arancione, cosa si può fare e cosa è vietato: le regole

  • Terrore nella serata di Pasqua: sequestra i due figli piccoli e minaccia di ucciderli

Torna su
RomaToday è in caricamento