Il 2021 è l'anno internazionale di frutta e verdura: appello a sostenibilità e riduzione sprechi

Il direttore generale delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura ha ufficialmente aperto l'anno dedicato alla frutta e alla verdura

Il 2021, per la FAO, è l'anno internazionale della frutta e della verdura. Un'occasione - come sottolinea il Direttore Generale dell'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura QU Dongyu - per migliorare la produzione alimentare e ridurre perdite e sprechi.

L'Anno internazionale della frutta e della verdura 2021, proclamato nel corso della 74a sessione dell'Assemblea Generale delle Nazioni Unite, intende sensibilizzare l'opinione pubblica in merito al ruolo importante che la frutta e la verdura rivestono per l'alimentazione umana, la sicurezza alimentare e la salute in generale.

Frutta al posto del pasto: sì o no?

Gli obiettivi della Fao

Nel corso di una cerimonia online, durante la quale è stato ufficialmente annunciato l'anno internazionale della frutta e della verdura, il Direttore Generale Fao ha ben spiegato quali sono gli obiettivi della ricorrenza. Di "un'opportunità unica per promuovere consapevolezza a livello mondiale" ha parlato Qu. Non solo, il direttore generale ha anche osservato come il Coronavirus sia stato uno sprone per tutto il mondo per trovare nuovi modi, nuove soluzioni per combattere fame e malnutrizione e ha sottolineato che l'AIFV (anno internazionale frutta e verdura) vuole puntare i riflettori sul ruolo che le tecnologie digitali possono svolgere nel migliorare la nutrizione e le opportunità commerciali.

"Promuovere regimi alimentari salubri che rafforzino il nostro sistema immunitario è particolarmente appropriato nel frangente dell'attuale crisi sanitaria, che ha colpito l'intera comunità internazionale", sono state le parole di Qu.

Un anno che vuole porsi come opportunità per per modernizzare le infrastrutture e le pratiche agricole, così da sostenere i piccoli agricoltori.

Anche il Segretario generale delle Nazioni Unite, António Guterres, ha dato il suo messaggio in occasione della proclamazione dell'AIFV, auspicando ad un "approccio più olistico" alla nutrizione e alla sostenibilità, aggiungendo che anche il Vertice sui sistemi alimentari in programma il prossimo anno sarà un'opportunità per riflettere sulla fragilità dei sistemi alimentari".

Il 2021 è anche l'anno in cui si celebra il decimo anniversario del riconoscimento della Dieta Mediterranea come patrimonio dell'umanità da parte dell'Unesco. A questo proposito, il ministro italiano delle politiche agricole, alimentari e forestali Teresa Bellanova ha assicurato che l'Italia è pronta a condividere le proprie conoscenze ed esperienze nel settore della produzione sostenibile.

L'importanza di frutta e verdura nel regime alimentare

In occasione della proclamazione dell'Anno internazionale di frutta e verdura, Fao ricorda come entrambe siano buone fonti di fibre dietetiche, vitamine, minerali e composti fotochimici benefici. secondo Fao e Oms, per prevenire malattie croniche come il cancro, il diabete, le malattie cardiocircolatorie e l'obesità e anche per evitare carenze di micronutrienti, una persona adulta dovrebbe consumare almeno 400 grammi di frutta e verdura al giorno.

L'Anno internazionale della frutta e della verdura 2021 cade anche nel Decennio d'azione delle Nazioni Unite sulla nutrizione (2016-2025) e nel Decennio dell'agricoltura familiare delle Nazioni Unite (UNDFF 2019-2028). La FAO ha celebrato la prima Giornata internazionale della consapevolezza sulle perdite e gli sprechi alimentari lo scorso 29 settembre 2020.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Roma, la mappa del contagio: 37 quartieri con oltre 1000 casi. Ecco i municipi e le zone con più positivi

  • Blocco traffico a Roma: domenica 24 gennaio niente auto nella fascia verde

  • Blocco traffico a Roma: domenica senza auto nella fascia verde, tutte le informazioni

  • Emanuele Lenzoni morto in un incidente sulla Tiburtina, l'appello della famiglia: "Cerchiamo testimoni"

  • Vaccini anti Covid agli over 80, si parte a febbraio: posticipata la partenza. Ecco come ci si può prenotare

  • Coronavirus, a Roma 688 nuovi casi: sono 1303 nel Lazio. I dati del 21 gennaio

Torna su
RomaToday è in caricamento