menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Verso la zona arancione rafforzato a Roma e nel Lazio, la Regione: "Situazione in netto peggioramento"

L'assessore: "Non è possibile concedersi nessuna distrazione, il virus con le sue varianti sta riprendendo vigore"

Arancione scuro o arancione rinforzato. Due modi per dire la stessa cosa, quella che la Regione Lazio ha fatto percepire attraverso il canale dell'Unità di Crisi Covid-19 in cui si disegna la probabile possibilità di misure stringenti per i prossimi giorni: "I dati del contagio sono in aumento e raggiungono i livelli di due mesi fa, con un trend di crescita rispetto alle due settimane precedenti".

"Lo scenario è previsto in netto peggioramento, bisogna mantenere altissimo il livello di guardia. - avvertono gli esperti - Non è possibile concedersi nessuna distrazione, il virus con le sue varianti sta riprendendo vigore, la priorità è quella di interrompere ora la catena di trasmissione". Ecco perché è probabile pensare che il Lazio non sarà più in zona gialla. 

I dati in risalita nel Lazio

Con i nuovi dati del monitoraggio settimanale dell'Istituto Superiore di Sanità in arrivo domani, la regione diventerà zona arancione, bisognerà ora capire se quel colore sia più tendente allo scuro e quindi alla zona rossa, oppure no. Oltre all'indice di trasmissione del virus Rt, che sette giorni fa segnava 0.98, vicinissimo a quell'1 che fa scattare il cambio di fascia, a parlare è l'occupazione dei posti letto.

Il 9 marzo il Lazio ha superato la soglia del 30% imposta dal ministero della Salute per le terapie intensive: 31%. E i ricoveri continuano a crescere da almeno una settimana. Per i pazienti non critici, invece, al momento siamo intorno al 35%, in linea con la soglia del 40%, ma si tratta di dati in costante aumento.

Analizzando i dati dei nuovi casi, ciò che risulta evidente è che in tre settimane i contagi sono raddoppiati, mentre il rapporto tra positivi e tamponi molecolari non è mai sceso sotto il 10%, con un costante peggioramento. Il 25 febbraio è iniziata la risalita e nell'ultima settimana con Frosinone finita in zona rossa. Roma ha invece sostanzialmente tenuto, anche i casi sono in aumento.

Le regole in zona arancione scuro

Nei prossimi giorni ci sarà un altro aspetto da tenere in considerazione: le regole. A differenza della zona arancione stanarda, regolamentata dal Dpcm, le zone arancione scuro non figurano nei decreti e quindi sarà la Regione a decidere.

Sul fronte scolastico, per esempio, si passa dalla didattica a distanza solo per le superiori e le medie alla quasi totale sospensione dei servizi educativi in presenza. Per quanto riguarda bar e ristoranti le regole in zona arancione rafforzata sono praticamente identiche a quelle della classica zona arancione: vietato consumare cibi e bevande nei ristoranti e nei bar né nelle loro adiacenze, consentiti solamente l'asporto e il domicilio

Contrariamente a quanto avviene nella zona arancione, nelle aree di colore arancione scuro gli spostamenti sono vietati anche all'interno del proprio comune. Restano possibili i movimenti per lavoro, necessità, salute e rientro al domicilio o alla residenza. Altra differenza rispetto alla classica zona arancione è anche il divieto di andare a trovare parenti e amici nelle abitazioni private: in alcune regioni, come in Lombardia, per esempio è stato vietato andare in abitazioni diverse da quella principale. In questo caso sarebbe vietato lo spostamento nelle seconde case. In più si prevede lo smart working, dove possibile.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento