Coronavirus agita i lavoratori dell'aeroporto: "Chiediamo mascherine e disinfettanti"

Attenzione alta nello scalo di Fiumicino per contrastare il virus proveniente dalla Cina. Iacovone (Cobas): "Si tutelino lavoratori con strumenti prevenzione"

Mascherine esaurite in molte farmacie di Roma, consigli utili per i viaggiatori e monitoraggio dei passeggeri in arrivo all'aeroporto di Fiumicino da Wuhan, città focolaio del Coronavirus. Roma corre ai ripari contro il virus della Cina. 

Fiumicino: attenzione alta verso Coronavirus

Nello scalo Leonardo da Vinci già attivo da giorni il canale sanitario, una struttura decentrata rispetto ai Terminal realizzata da Adr e attiva dal 2015, che dispone dei più avanzati sistemi di biocontenimento. A Roma nessun allarme, ma bisogna scongiurare qualsiasi ingresso in Italia di casi sospetti: così nell'aeroporto di Fiumicino l'attenzione è elevata

Lavoratori dell'aeroporto preoccupato: "Mascherine contro virus Cina"

Preoccupati per il Coronavirus i lavoratori di negozi, bar, ristoranti e duty free dello scalo romano con i sindacati  a chiedere tutele e strumenti di prevenzione. 

"Attualmente i lavoratori del commercio all'interno dello scalo aeroportuale non hanno ricevuto, tranne qualche eccezione, alcuna indicazione sui comportamenti da seguire e sulle procedure precauzionali per evitare il contagio – dichiara Francesco Iacovone, del Cobas nazionale – e questo potrebbe mettere seriamente in pericolo la salute delle lavoratrici e dei lavoratori stessi. Tanto più che il virus può essere trasmesso in assenza di sintomi". 

Il sindacato: "Servono strumenti di prevenzione"

In base a quanto appreso dal sindacato solamente il brand Gucci avrebbe dotato i lavoratori di mascherine a norma e disinfettanti appropriati.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Riteniamo urgente denunciare questa ennesima leggerezza ai danni di chi ha già subito le conseguenze del drammatico incendio nel maggio del 2015. Richiamiamo Aeroporti di Roma e le aziende del commercio al principio di precauzione e li invitiamo a fornire in tempi rapidi le mascherine e i disinfettanti per la pulizia delle mani. Perché - conclude Iacovone - una delle porte d'ingresso alla pandemia potrebbe essere proprio l'aeroporto Leonardo Da Vinci". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus Roma, tamponi rapidi a 22 euro: l'elenco dei laboratori privati dove farlo

  • Paura a Gregorio VII, a fuoco un autobus: esplosioni e colonna di fumo nero sulla zona

  • Drive in dove fare i tamponi a Roma: gli indirizzi. L'elenco completo

  • Coronavirus, Lazio verso il coprifuoco e didattica a distanza parziale per le superiori. In arrivo un'ordinanza con i provvedimenti

  • Coprifuoco a Roma e nel Lazio, ecco l'ordinanza: autocertificazione per spostamenti da mezzanotte alle 5

  • Coronavirus, a Roma 462 casi: sono 939 in totale nella regione. C'è un nuovo focolaio nel Lazio

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento