Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

VIDEO | Natale al freddo, il regalo del Comune alle famiglie di La Rustica

Termosifoni spenti dallo scorso febbraio con le case ghiacciate, tra loro molti anziani e invalidi che si riscaldano con stufette e borse per l’acqua calda

 

Case ghiacciate. Tanto fredde che le persone restano con cappotti e sciarpe dentro i loro appartamenti. Coperte, borse dell’acqua calda, stufette che fanno arrivare alle stelle il costo della corrente.

Siamo a La Rustica, nel complesso di case popolare di proprietà del Comune di Roma. A pochi giorni dal Natale, sono un centinaio le famiglie che si preparano ad affrontare i giorni di festa al freddo. Questo malgrado la quota dei riscaldamenti viene messa in bolletta dodici mesi l’anno. “E’ ormai da febbraio che non vanno proprio, ma sono almeno tre anni che ci sono problemi e i riscaldamenti vanno con il contagoccie - spiega Catia Ioppolo, una residente dell’ultimo piano -. Da me si gela, con il lockdown non possiamo nemmeno andare altrove. Vorrei invitare la Sindaca Raggi, così forse si rende conto di cosa significa dormire al freddo”.

Entriamo a casa di Primo e Maria, 78 anni lui e 71 lei. Primo ha una malattia che lo obbliga ad avere sempre l’ossigeno attaccato . Fa davvero male vederlo sul divano completamente bardato per non sentire freddo. Questo malgrado le stufette: “Le accendo in maniera alternata - dice Maria -, mi sono arrivate 300 euro da pagare e per noi diventa difficile perché siamo pensionati”. C’è chi come  Mario due anni fa, con l’aiuto dei figli, ha fatto un impianto autonomo: “Mia moglie è malata, sta a letto per restare sotto le coperte - racconta -, qui al piano terra si muore di freddo ed ho dovuto fare così. Ma ovviamente pago anche i termosifoni del Comune perché è nell’affitto”.

“Questa amministrazione aveva detto che avrebbe tolto le quote per i riscaldamenti nella case dove questi non funzionano e invece così non è, l’ennesima propaganda - sottolinea Michelangelo Giglio di Asia Usb -. La sindaca Raggi ha la responsabilità della salute pubblica, e qui abbiamo anziani e disabili che rischiano la vita in queste condizioni”.

Potrebbe Interessarti

Torna su
RomaToday è in caricamento