Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

VIDEO | Computer e tablet per le famiglie bisognose, il progetto di Nonna Roma per garantire a tutti la Dad

Si chiama "Device4all" il progetto attraverso il quale Nonna Roma, in collaborazione con altre due associazioni, raccoglie, rigenera e distribuisce i dispositivi utili per la didattica a distanza a chi non li ha

 

La crisi economica accanto a quella sanitaria. Ma anche formativa, se pensiamo al fatto che non tutte le famiglie dispongono di computer, o tablet, per permettere ai propri figli di seguire le lezioni attraverso la Didattica a distanza.

Da qui l’idea di “Device4all”, un  progetto ideato da “Nonna Roma”, “Rimuovendo gli ostacoli” e “Informatici senza frontiere”, con l’obbiettivo di contrastare la disuguaglianza educativa e per favorire l’accesso alla formazione alle fasce di popolazione più vulnerabili e in difficoltà.

“Attraverso questo progetto vogliamo fornire gratuitamente tablet e pc agli alunni delle scuole elementari, medie e superiori che ne sono sprovvisti - spiega Eloa Montesel di Nonna Roma -. Le persone ci donano i dispositivi che poi attraverso gli informatici li rigeneriamo, per poi consegnarli a chi ne fa richiesta. Spesso le famiglie ci vengono segnalate dai servizi sociali”.

“Siamo nei quartieri e conosciamo bene le contraddizioni che questa crisi provocata dal Coronavirus ha determinato - dice il presidente di Nonna Roma, Alberto Campailla -. Indagando nelle povertà abbiamo cercato di mettere in campo pratiche che possano essere di supporto alle famiglie e ‘Device4all’ è una di queste”.

Chiunque può donare un pc o un tablet che non usa più, pensando che può essere di grande aiuto per chi invece non può permettersi di averne uno.

Potrebbe Interessarti

Torna su
RomaToday è in caricamento