rotate-mobile

VIDEO | Termini e la solidarietà dal basso verso gli "ultimi": "Li facciamo sentire esseri umani"

Mama Termini è un'associazione di volontari nata durante il primo lockdown, quando nessuno si occupava dei senza dimora

Pasta, riso, cous cous, frutta e verdura, pizza. Cibo recuperato dall'invenduto degli esercizi commerciali della zona o preparati in casa, con le loro mani. E' il grande cuore dei volontari di Mama Termini che quasi ogni sera si preoccupano di portare un pasto ai senza dimora che vivono nei pressi del primo scalo ferroviario della Capitale. Una distribuzione che, di domenica, si trasforma quasi in una festa dove i clochard si possono incontrare e scambiare anche due chiacchiere: "E per un'ora li facciamo sentire esseri umani, parte di questa società", dicono i volontari.

VIDEO | Ultima fermata Termini, viaggio al "capolinea della vita umana"

“Quando nessuno si occupava di loro durante il primo lockdown siamo andati contro le regole e siamo venuti a portargli da mangiare”, dice Maaty Elsandoubi, giornalista egiziano in esilio a Roma ormai da anni che, insieme ad altri volontari, ha fondato Mama Termini. Accanto a lui c’è Francesco Conte, videoreporter fondatore di Termini TV qualche anno fa: “Qui ci sono persone che avrebbero bisogno di un’assistenza psicologia seria, per i traumi subiti e la vita di strada che fanno - spiega Francesco -. Molti sono qui dopo anni di lavoro in nero, alcuni perché senza documenti, e che una volta perso il lavoro si sono ritrovati per strada senza niente”.

Sullo stesso argomento

Video popolari

VIDEO | Termini e la solidarietà dal basso verso gli "ultimi": "Li facciamo sentire esseri umani"

RomaToday è in caricamento