Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In catene davanti al tribunale di Roma: "Assolti dopo 4 anni, ma le nostre attività confiscate sono ora in vendita"

La protesta estrema di due imprenditori che, malgrado l'assoluzione in primo grado e la richiesta in appello sul decreto di confisca, vedono le loro attività messe in vendita

 

Incatenati di fronte al Tribunale di Roma. “Assolto in formula piena”, “4 anni di torture” e “Svendita di attività commerciali” sono solo alcuni dei cartelli esposti e che hanno accompagnato la protesta di Michele De Cristofaro e Daniele Di Stadio. Due imprenditori della provincia di Roma, rispettivamente di Monterotondo e Mentana, rimasti coinvolti nella maxi operazione antimafia Babylonia nel 2017. E tra i sequestri effettuati sono finite anche le loto attività.

“Sono stato assolto in primo grado ad ottobre 2020 perché il fatto non sussiste - spiega De Cristoforo -, quindi ho fatto richiesta di appello per difendermi dalla confisca, eppure le nostre attività risultano già messe in vendita, tra l’altro a prezzi in forte ribasso”. “Quattro anni difficili che abbiamo cercato di superare con forza e dignità - dice invece Di Stasio -, non posso accettare di perdere i risparmi di una vita. Lo devo alla mia famiglia, a mio figlio”.

Un protesta pacifica voluta per fare luce sulla vicenda. “Crediamo nelle istituzioni e siamo qui anche per questo - conclude Di Stasio -, ma credo sia un mio diritto chiedere trasparenza”.

Potrebbe Interessarti

Torna su
RomaToday è in caricamento