rotate-mobile
Lunedì, 16 Maggio 2022

In catene davanti al tribunale di Roma: "Assolti dopo 4 anni, ma le nostre attività confiscate sono ora in vendita"

La protesta estrema di due imprenditori che, malgrado l'assoluzione in primo grado e la richiesta in appello sul decreto di confisca, vedono le loro attività messe in vendita

Incatenati di fronte al Tribunale di Roma. “Assolto in formula piena”, “4 anni di torture” e “Svendita di attività commerciali” sono solo alcuni dei cartelli esposti e che hanno accompagnato la protesta di Michele De Cristofaro e Daniele Di Stadio. Due imprenditori della provincia di Roma, rispettivamente di Monterotondo e Mentana, rimasti coinvolti nella maxi operazione antimafia Babylonia nel 2017. E tra i sequestri effettuati sono finite anche le loto attività.

“Sono stato assolto in primo grado ad ottobre 2020 perché il fatto non sussiste - spiega De Cristoforo -, quindi ho fatto richiesta di appello per difendermi dalla confisca, eppure le nostre attività risultano già messe in vendita, tra l’altro a prezzi in forte ribasso”. “Quattro anni difficili che abbiamo cercato di superare con forza e dignità - dice invece Di Stasio -, non posso accettare di perdere i risparmi di una vita. Lo devo alla mia famiglia, a mio figlio”.

Un protesta pacifica voluta per fare luce sulla vicenda. “Crediamo nelle istituzioni e siamo qui anche per questo - conclude Di Stasio -, ma credo sia un mio diritto chiedere trasparenza”.

Sullo stesso argomento

Video popolari

In catene davanti al tribunale di Roma: "Assolti dopo 4 anni, ma le nostre attività confiscate sono ora in vendita"

RomaToday è in caricamento