rotate-mobile

VIDEO | Guerra in Ucraina, Tatiana e i suoi genitori sono finalmente in Italia: "Otto giorni sotto le bombe di Putin"

Evacuati da Leopoli con una missione organizzata da Croce rossa italiana, raccontano i giorni difficili a Kharkiv e il dolore di lasciare il proprio paese

Tatiana scende per prima dall’autobus che, da Leopoli, l’ha portata a Roma. Con lei i suoi anziani genitori, i quali fino all’ultimo non ne volevano sapere di lasciare la loro città, e il loro Paese. Ma di Kharkiv, da dove vengono loro, ormai non resta quasi più nulla.

“Solo dopo otto giorni, passati sotto le bombe e in un rifugio a sette piani sotto terra, siamo riusciti a scappare - racconta Tatiana, accanto la sua mamma, Nina -. C’era ormai solo distruzione, civili uccisi, non potevamo più restare li”. Questa famiglia è riuscita a raggiungere il nostro paese grazie alla prima missione di evacuazione organizzata da Croce rossa italiana insieme a quella ucraina. 83 le persone portate in salvo, il più piccolo ha solo 3 mesi di vita, tutte provenienti da situazioni di grave disagio. Molti sono disabili.

“Siamo grati per averci dato l’opportunità di salvarci - continua Tatiana -, ma io amo la mia città, il mio paese, e vorrei poter torre a casa un giorno”.

Video popolari

RomaToday è in caricamento