Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

VIDEO | Discariche abusive e roghi tossici per farle sparire: la "terra dei fuochi" di Roma

Il nostro “giro infernale” tra le discariche abusive del VI municipio di Roma. Quelle da cui spesso partono i roghi tossici subiti dagli abitanti dei quartieri vicini

 

Una strada mai ultimata. Un parcheggio in disuso. Una via senza uscita. Basta poco per rendere un luogo un posto appetibile in cui smaltire illecitamente rifiuti ingombranti e speciali, scarti edili, pneumatici, pezzi di auto, amianto. Si trova davvero di tutto nelle discariche abusive del quadrante est della Capitale. Quelle che vengono date alle fiamme. Quelle dalla quale si sprigionano le ormai note colonne di fumo alla diossina che gli abitanti dei quartieri vicini conosco ormai troppo bene. Già, perché ormai non si bruciano rifiuti solo all’interno delle baraccopoli, ma in ogni angolo possibile. E i resti degli incendi sono ancora li, ammassati, a sprigionare tutto il loro odore nauseabondo. 

Siamo partiti da via delle Cerquete nel quartiere di Colle degli Abeti per proseguire il giro in una strada mai ultimata che incrocia via Saliola (nota anche come via Mejo de Gnente), a Ponte di Nona in un parcheggio inutilizzato a ridosso da un asilo e la stazione ferroviaria dove si trovano, tra le altre cose, decine di oblò delle lavatrici. Poi giù fino a Rocca Cencia, dove la situazione di via San’Alessio in Aspromonte lascia letteralmente senza fiato: 500 metri di strada, aperta al traffico, completamente costeggiata da immondizia, anche bruciata. Ma questa zona detiene un altro triste record: al confine con borgata Finocchio, in via Domanico, ciclicamente si forma una grossa montagna di rifiuti che invade anche la strada, nel punto in cui un tempo erano posizionati i cassonetti della raccolta stradale, rimossi una volta arrivato il sistema di raccolta porta a porta.

Immagini ai confini della realtà. Possibile che non esiste soluzione che limiti il fenomeno? E mentre l’amministrazione municipale del V annuncia l’istallazione di telecamere dal Pigneto a La Rustica, cosa aspettano al municipio delle Torri? Un’idea avanzata da sempre dal Movimento cinque stelle mentre era all’opposizione durente la giunta Scipioni. Molte delle discariche visitate da Roma Today vengono ripetutamente riempite di rifiuti una volta bonificate. E questo, con tutta probabilità, costa molto di più di un efficace impianto di video sorveglianza.

Potrebbe Interessarti

Torna su
RomaToday è in caricamento