Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

VIDEO | La crisi dei taxi ai tempi del Coronavirus: "Siamo servizio pubblico ma è tutto sulle nostre spalle"

Siamo saliti a bordo di un taxi romano per tastare con mano la situazione lavorativa durante la pandemia, tra lunghe code ai parcheggi, i turni a giorni alterni e le spese di gestione che non si fermano

 

Obbligo della corsa, ma anche di fare i turni, pena la sanzione. E questo con una media di 2 o 4 corse per un turno di 8 ore, con i parcheggi dei taxi pieni e il rischio concreto di non riuscire a lavorare.

Sono più di 7 mila i taxi nella città di Roma. Una flotta che, in tempi normali, riesce in un modo o nell’altro a garantire il servizio coprendo gli afflussi turistici e di business. In tempi normali, appunto. Perché la pandemia ha inevitabilmente colpito anche i tassisti che ormai dallo scorso marzo lavorano a giorni alterni (pari o dispari a seconda del numero della licenza) e con il lavoro ridotto di circa l'80%.

A fronte dei pochi interventi di ristoro dedicati. “Noi a differenza di un bar non possiamo decidere di non lavorare se i costi superano l’incasso, come sta accadendo ormai da mesi - spiega Riccardo Cacchione, tassista romano da 11 anni e rappresentante del sindacato Usb -. Abbiamo fatto delle proposte al Comune, in quanto servizio pubblico, che potessero coinvolgerci per il trasporto dei pazienti in ospedale, per decongestionare i mezzi pubblici. Ci siamo offrendo perfino di trasportare mascherine e gel disinfettanti nelle scuole, ma è stato tutto inutile”.

Con le spese che non si fermano: “Tasse e contributi Inps, i costi di manutenzione delle auto, il pos, le assicurazioni che per noi sono molto care perché comprendono anche i passeggeri - continua Cacchione -. Abbiamo quantificato che quando una macchina esce ha un costo di gestione di circa 100 euro al giorno, e con quattro corse, ormai tra l'altro molto brevi, non si riesce a coprirli”.

L’appello è quindi alle istituzioni: “Così non ce la facciamo, servono interventi seri - conclude Cacchione -. Se siamo servizio pubblico, la crisi non può essere lasciata sulle spalle dei tassisti”.

Potrebbe Interessarti

Torna su
RomaToday è in caricamento