Disordini e quartiere in allarme: l'hotel Covid dello Statuario tra quarantene finite e trasferimenti bloccati

Dopo i momenti di tensione all’interno della struttura arriva lo stop, per il momento, di ulteriori trasferimenti di migranti per la quarantena da Covid-19

“Dopo i disordini degli ultimi tre giorni ho scritto a tutti, e siccome la asl si è accorta delle difficoltà ha comunicato che sospende ulteriori trasferimenti”. A darne notizia è la presidente del VII municipio, Monica Lozzi, mentre mostra la lettera inviata dall’azienda sanitaria. 

Fuori dall’hotel di via Siderno nel quartiere Statuario, teatro di malcontento tra i residenti ma anche di tensioni tra gli ospiti, se non ci fosse un mezzo dei militari a sorveglianza non si immaginerebbe nemmeno la presenza un centro Covid, . Tutto appare tranquillo. Eppure, le cronache delle ultime ore raccontano un’altra storia. 

“Non siamo certo contro questo genere di strutture - continua Lozzi - perchè siamo consci della loro importanza, ma il tutto va gestito garantendo la sicurezza. Per chi è li dentro e per i cittadini fuori”. Cittadini raccontano di tensioni, di chi entra ed esce senza i presidi di sicurezza, ma anche il timore che da Centro Covid possa diventare un centro d’accoglienza una volta finita l’emergenza. “Ci sono troppe bugie e troppe omissioni - dice i presidente di quartiere Statuario-Capannelle, Guerriero Latini -. Questa struttura ha già una storia particolare, abbiamo saputo che ha una nuova proprietà. Finché non smentiscono nero su bianco io continuerò a pensare in questo modo”. Un'opzione che però Lozzi smentisce categoricamente: “Assolutamente non è così, sarà una struttura Covid fino a giugno, massimo luglio”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

Video popolari

Disordini e quartiere in allarme: l'hotel Covid dello Statuario tra quarantene finite e trasferimenti bloccati

RomaToday è in caricamento