Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

VIDEO | Cimitero Flaminio al collasso: le lunghe file dei carri funebri per lasciare i defunti

Le immagini dal cimitero di Roma nord, con le auto funebri in attesa per ore: “Situazione aggravata dal Covid”

 

Lunghe code per consegnare la salma. Una storia triste quanto assurda, dove il cimitero principale della Capitale sembra non riuscire a reggere i numeri dei defunti, incrementati, purtroppo, dal Coronavirus.

Le immagini mostrano quello che raccontano a Roma Today due titolari di agenzie funebri, che preferiscono però non esporsi: “Il Covid si è aggiunto ad una situazione già difficile, prima di tutto per mancanza di personale in una struttura come il Flaminio. A quelli già assenti vanno aggiunti quelli in quarantena  - spiegano -. Questo crea  un disagio enorme all’utente finale, com’è evidente, ma anche a chi gestisce il servizio”.

Ricordano come tutto questo stia accadendo a Prima Porta perché è in effetti l’unico cimitero “attivo” per tutta la cittadinanza romana: “Con il Laurentino ormai privo di capienza e il Verano destinato solo a chi ha già una cappella di famiglia, o un posto già assegnato, essendo Monumentale”.

Le aziende spiegano che le auto restano in attesa anche due ore o tre ore nei i momenti di maggiore affluenza, tra le 12 e le 17. Con gli autisti che devono mettersi in fila con il “numerato”. Una situazione che nella mattinata di venerdì 11 dicembre, ha fatto scoppiare una lite animata tra due autisti, soprattutto parole grosse, tanto da richiedere l’intervento dei Carabinieri del Nucleo operativo e Radiomobile della Compagnia Roma Cassia che, una volta arrivati sul posto hanno provveduto a raffreddare gli animi.

Da parte sua Ama - Cimiteri capitolini fa sapere attraverso una nota che “A Roma tutte le attività cimiteriali, anche in questo difficile periodo, vengono assicurate regolarmente, pur in presenza di un trend di decessi in forte aumento da oltre due mesi, probabile effetto collaterale (come a livello nazionale) dell’emergenza da Covid-19. Le cremazioni presso il cimitero Flaminio – Prima Porta - continua la nota -, per cui si è avuta una richiesta via via crescente, vengono svolte a ciclo continuo. Solo a novembre, sono state effettuate 1.521 cremazioni: 252 in più rispetto allo stesso mese dell’anno precedente. L’incremento, del 20% anche rispetto ad ottobre, è stato possibile grazie alla manutenzione straordinaria svolta negli ultimi mesi e al potenziamento massimo delle attività sulle 6 linee crematorie”.

Potrebbe Interessarti

Torna su
RomaToday è in caricamento