Attualità

Vaccini a Roma e nel Lazio: il piano per le dosi senza limiti di età, dagli open day ai medici di famiglia

Nel Lazio è stata superata quota 2 milioni e 350 mila somministrazioni e sono oltre 765 mila le persone che hanno completato il ciclo vaccinale

Open day per smaltire le dosi di AstraZeneca, prenotazioni e inoculazioni sempre più frequenti dai medici di famiglia e poi vaccini fatti anche nelle farmacie. La Regione Lazio è pronta ad inserire nella campagna vaccinale novità che potrebbero accelerare l'iter di immunità di gregge. 

Stando ai dati resi noti dalla Pisana, è stata superata quota 2 milioni e 350 mila somministrazioni e sono oltre 765 mila le persone che hanno completato il ciclo vaccinale. I vaccini Pfizer, però, iniziano a scarseggiare e così la Regione - seguendo le linee guida del Cts - ha deciso di posticipare i richiami a 5 settimane, ossia 35 giorni dopo la prima dose. 

Il motivo è stato spiegato dell'Unità di Crisi: "Questo consentirà un aumento della platea delle prime dosi del vaccino Pfizer a partire già dal mese in corso, ovvero determinando un aumento della copertura della popolazione". E se sul lato Pfizer, in attesa del rifornimento di nuove dosi, la coperta appare corta, per quanto riguarda gli altri vaccini, invece, le forniture ci sono. 

Sono infatti disponibili almeno 100mila dosi di AstraZeneca e Johnson&Johnson. Ecco perché l'assessore alla sanità Alessio D'Amato dopo il grande successo dell'Open day organizzato a Rieti per la somministrazione del vaccino AstraZeneca, sta pensando di riproporlo anche a Roma.

Vaccini a Roma e nel Lazio: quando, dove, come prenotare. Tutte le informazioni

L'open day dei vaccini a Roma

La Pisana ci sta pensando, ma ci sono delle preoccupazioni: Rieti è sicuramente un centro più piccolo e il tema degli assembramenti, per Roma, ha un impatto chiaramente diverso. L'iniziativa dovrebbe svolgersi negli hub della Nuvola dell'Eur, a Termini a Fiumicino e a Valmontone (dove è già partito l'esperimento delle dosi drive-in), anche se mancano ancora i dettagli, le modalità di accesso e gli orari. 

E poi ci sarà da definire anche la fascia di età. Negli Open Days per i vaccini organizzati dalla Asl di Rieti è stata data la possibilità di vaccinarsi a tutte le persone che hanno più di 50 anni. E questo nonostante la campagna di vaccinazione nel Lazio attualmente vede la possibilità di prenotarsi solo per chi ha 54-55 anni. Anche se, a giorni, si dovrebbe aprire alla fascia dei 52-53 anni. 

Vaccini Covid a Roma, dove farli e quali dosi vengono somministrate: l'elenco completo

Vaccini negli studi medici e farmacie

Da lunedì 17 maggio, invece, il vaccino dai medici di famiglia si potrà prenotare anche attraverso il portale Saluteìazio.it. Sono 3.000 i dottori che hanno dato la loro disponibilità alla campagna vaccinale e riceveranno due fiale Pfizer a settimana, pari a 12 somministrazioni per la prima dose con i richiami che saranno tutti garantiti. Dal 20 maggio, poi, ai medici di famiglia verrà consegnato anche il vaccino monodose Johnson e Johnson, che non sarà più prerogativa soltanto delle farmacie e dell'hub di Valmontone.

Proprio le farmacie, dal 24 maggio, inizieranno a inoculare vaccini. Sono 1100 quelle che hanno dato la disponibilità predisponendo quattro ambienti, uno per l'accettazione, destinata sia ad accogliere il paziente che all'anamnesi, una per la conservazione e la preparazione della dose, una terza per la somministrazione l'ultima per il monitoraggio e l'osservazione di 15 minuti dei vaccinati dopo la dose.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vaccini a Roma e nel Lazio: il piano per le dosi senza limiti di età, dagli open day ai medici di famiglia

RomaToday è in caricamento