menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Immagine d'archivio

Immagine d'archivio

Trasporto disabili, non c'è più il servizio del 3570 ma il Comune non lo comunica: utenza nel caos

Cambia l'appalto ma i diretti interessati vengono informati direttamente dalla ditta e a soli due giorni dall'avvio. Associazioni e sindacati: "Raggi dia spiegazioni"

"Ci dispiace signora, dovete chiamare il Comune. Non lo facciamo più". È la risposta del 3570, per tutti simile. Da oggi, martedì 1 ottobre, la cooperativa di radio taxi, dopo anni di servizio, non svolge più il trasporto disabili per conto del Comune di Roma. Gran parte degli utenti però era all'oscuro della novità. 

"Non ci è stata data nessuna comunicazione. Abbiamo compilato la domanda a primavera e ieri sono uscite le graduatorie. Non sapevamo niente del cambio appalto". S.B., 47 anni, abita a Giardinetti. Non deambula da sola, ha una protesi e in qualche caso la carrozzina, tutti i giorni deve percorrere 30 chilometri, andata e ritorno, per raggiungere l'azienda dove lavora, da impiegata, in pieno centro storico. E dal 2012 ha sempre preso il taxi. Un buon servizio, puntuale, sicuro e da oggi cancellato senza sufficienti informazioni sulle alternative. 

"Ci aspettavamo almeno una comunicazione da Agenzia per la Mobilità. E invece chi è stato avvisato è stato chiamato direttamente dalla nuova ditta" spiega Roberta Sibaud, disabile, vicepresidente dell'associazione Donne per la Sicurezza. "Ho chiamato il radio taxi stamattina convinta di potermi spostare come sempre". Ci fa ascoltare la registrazione della telefonata al 3570. Il centralino risponde così: "Neanche noi siamo stati informati per tempo".

Chi svolgerà il trasporto al posto dei taxi? "Qualcuno di noi è stato contattato direttamente dalla Tundo, una società che ha preso l'appalto ma non ci sono arrivate comunicazioni ufficiali". Già, alcuni utenti questa mattina sono stati accompagnati da mini pulmini o auto singole della Tundo Spa, impresa già impiegata per il trasporto scolastico, non senza disagi. Il numero di mezzi non è ancora in grado di coprire la domanda. E le modalità di erogazione, stando alle prime testimonianze raccolte, sono decisamente meno flessibili rispetto a quelle garantite dalle auto bianche. 

"Sabato mi ha chiamato la Tundo, mi hanno chiesto di fare una pianificazione degli orari di andata e ritorno a lavoro" racconta Luca Pietrantoni, disabile in carrozzina, si muove tutti i giorni da Fidene a Porta Pia per recarsi sul posto di lavoro. "L'ingresso in ufficio è sempre lo stesso ma il ritorno no, a volte magari faccio gli straordinari o mi fermo per una riunione". Fare un planning esatto diventa un problema. Senza contare le difficoltà incontrate questa mattina per fissare la carrozzina al mezzo ."L'autista era un ragazzo che non aveva mai fatto niente del genere, mai trasportato un disabile. Io avevo il mio assistente privato che lo aiutato, mancava un gancio a terra". Una prima, pessima, impressione con il nuovo servizio. "Al ritorno mi hanno detto che l'auto non è disponibile e passa il pulmino". 

Sul piede di guerra associazioni per disabili e sindacati. "Chiediamo a gran voce che il servizio sia ripristinato e garantito con modalità adeguate, impegnando il Comune affinché la mobilità delle persone a Roma non s’interrompa" scrivono Fish Lazio, Unione italiana ciechi e ipovedenti Roma, Fand Roma e Consulta permanente della disabilità. Cgil Roma e Lazio, Cisl Roma Capitale Rieti e Uil Lazio chiedono "un confronto urgentissimo con l'assessore alla Mobilità e il delegato della Sindaca all'accessibilità universale per conoscere quali soluzioni immediate verranno predisposte e attuate per risolvere questa situazione". Anche le opposizioni si fanno sentire. 

"Il passaggio del trasporto disabili al nuovo gestore è quanto meno da chiarire: utenti poco informati e modalità di erogazione non proprio trasparenti restituiscono di fatto oggi l'immagine di una Capitale incapace di garantire un diritto" scrivono in una nota il capogruppo del Pd in Campidoglio, Giulio Pelonzi, ed Erica Battaglia della direzione regionale del Pd. Dure parole di commento anche dalla Lega. "Ancora una volta non c'è chiarezza sulle decisioni del Campidoglio che ricadono pesantemente su quei cittadini che più degli altri devono poter contare su soluzioni efficienti ed efficaci per la vivibilità di Roma" dichiarano Fabrizio Santori, direttivo Lega Roma e Maurizio Politi, capogruppo in Assemblea capitolina. "Abbiamo chiesto con una interrogazione urgente che il sindaco Raggi faccia chiarezza sulla vicenda"

In serata la replica del Campidoglio diffusa tramite nota stampa: 

La nuova graduatoria per gli utenti del servizio è stata pubblicata ieri, i nuovi vettori stanno procedendo celermente per soddisfare tutti gli utenti e si prevede di andare a pieno regime entro due settimane.

“Sul servizio di trasporto individuale per le persone con disabilità abbiamo fissato un quadro di regole chiare e definite con il nuovo regolamento approvato a dicembre scorso. Pochi mesi fa abbiamo pubblicato l'avviso pubblico per la formazione di una graduatoria unica per garantire i servizi di trasporto necessari alle persone con disabilità”, dichiara l’assessore alla Città in Movimento, Pietro Calabrese.

“Tanto per essere chiari le cooperative 3570 e 6645 non hanno aderito a questo avviso pubblico e non intendono far parte dei vettori che offrono questo servizio. Attualmente a fornire questo servizio è una Ati, associazione temporanea di imprese, che ha aderito all'avviso pubblico. Entro quindici giorni questo servizio già disponibile andrà a pieno regime”, dichiara il delegato all’accessibilità universale di Roma Capitale, Andrea Venuto.

“Grazie alla delibera del nuovo Regolamento abbiamo tracciato un quadro chiaro di nuove regole che le vecchie cooperative taxi non hanno accettato. Obiettivo primario rimane quello di offrire un servizio di trasporto adeguato a tutte le persone con disabilità che non abbiano la possibilità di servirsi di bus, metro o tram”, aggiunge il consigliere capitolino Nello Angelucci.

Articolo aggiornato alle ore 19

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento