Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Tg Roma e Lazio, le notizie del 16 gennaio 2019

 

Ecco i titoli del Tg Lazio dell'edizione di oggi: www.dire.it

CLOCHARD MORTI PER FREDDO A ROMA, RAGGI PENSA A ORDINANZA 

Indurre i clochard ad accettare la proposta di accoglienza presso le strutture del Comune quando le temperature scendono molto. A questo sta lavorando la sindaca di Roma, Virginia Raggi, che ha chiesto all'Avvocatura Capitolina e agli uffici competenti un approfondimento riguardo la possibilita' di definire un'ordinanza finalizzata a indurre le persone senza dimora ad accettare l'accoglienza. Nei giorni scorsi, a causa del freddo, hanno perso la vita diversi clochard, alcuni dei quali avevano rifiutato l'offerta di un rifugio per la notte. 

RIFIUTI, COSTA: ENTRO UN MESE CI SARA' PIANO REGIONALE 

"La Regione Lazio entro un mese chiudera' il piano regionale dei rifiuti. Finalmente la transizione del sistema di gestione comincia a vedere la luce". Lo ha detto il ministro dell'Ambiente, Sergio Costa, rispondendo oggi alla Camera a un'interrogazione sull'emergenza rifiuti a Roma. Costa ha spiegato che "l'individuazione degli impianti e' una competenza mista tra Comune e Citta' metropolitana" e che il ministero sta "prestando l'assistenza tecnica necessaria" a risolvere la situazione. 

ROMA, DONNA 56ENNE ALLA GUIDA AUTO PIRATA CHE HA UCCISO NEREO 

E' una donna italiana di 56 anni il pirata della strada che ha investito e ucciso lo scorso 7 gennaio, in Corso d'Italia, il senza fissa dimora Nereo Gino Murari. Partendo dalle analisi di un filmato, la Polizia Locale e' riuscita a individuare il modello dell'auto responsabile dell'omicidio stradale, che e' risultata essere una Smart di colore scuro. La donna e' stata quindi fermata e a seguito dell'interrogatorio le e' stato contestato il reato di omicidio stradale, con fuga e omissione di soccorso. 

ROMA, ACI: DAL 2010 MENO MORTI IN MOTO, MA BUCHE PRIMA CAUSA 

Dal 2010 ad oggi gli incidenti stradali che hanno coinvolto moto e scooter a Roma sono diminuiti del 38% e i morti del 40%. Le buche, pero', sono il primo fattore di rischio. E' quanto emerso dal rapporto sulla sicurezza stradale presentato oggi dall'Aci. Secondo i dati diffusi, ogni anno si contano oltre 5 mila incidenti, circa quattordici al giorno, con una media di trenta morti l'anno. Inoltre il 50% degli oltre 393 mila veicoli a due ruote circolanti a Roma non e' in regola con la revisione.

Potrebbe Interessarti

Torna su
RomaToday è in caricamento