Telecamere in città, a Roma 3 ogni chilometro quadrato. A Milano sono quasi 12

I dati contenuti nel Rapporto nazionale sull'attività della Polizia locale 2018

Immagine d'archivio

Roma è la città con più telecamere d'Italia. Già, ma in proporzione all'estensione del territorio, il numero è decisamente più basso rispetto a quello dell'eterna avversaria del nord. A Milano le strade sono ben più sorvegliate di quelle romane. Basta un semplice calcolo. Ma partiamo dai dati assoluti, forniti dal Rapporto nazionale sull'attività della Polizia locale 2018, curato dall'Associazione nazionale dei Comuni italiani (Anci) e giunto quest'anno alla VII edizione. Uno studio che contiene le elaborazioni di Anci sui dati delle polizie locali 2017 provenienti da 157 capoluoghi o città italiane di maggiore dimensione demografica per una popolazione complessiva di oltre 21 milioni di abitanti.

Per quanto riguarda la videosorveglianza, nei 157 comuni analizzati le telecamere installate risultano complessivamente 19.015, in media 122 per ogni città: Roma ne ha più di tutte (3.222 telecamere installate), seguita da Milano (2.161 telecamere) e Trento (520 telecamere). Quindi la Capitale è in cima alla lista delle città più "osservate". Ma il dato si ribalta se consideriamo l'estensione. Dividendo il numero di telecamere per i chilometri quadrati del territorio comunale (1288 km quadrati a Roma, 181,67 a Milano) il dato racconta altro. A Roma ci sono 2,5 telecamere per ogni chilometro quadrato, contro le 11,9 di Milano. Una differenza notevole. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Di telecamere per Roma si è parlato relativamente al progetto "Scuole sicure" del ministero dell'Interno. La Capitale è tra le città beneficiarie dei fondi stanziati (724mila euro per la Capitale) e diretti all'installazione di occhi elettronici negli istituti scolastici, per mettere un freno allo spaccio di droga. Una scelta che ha sollevato le polemiche dei municipi guidati dal centrosinistra, d'accordo su un punto: "Militarizzare le scuole non serve, se ci sono fondi si usino per la messa in sicurezza degli edifici". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Drive in dove fare i tamponi a Roma: gli indirizzi. L'elenco completo

  • Coronavirus Roma, tamponi rapidi a 22 euro: l'elenco dei laboratori privati dove farlo

  • Coronavirus, a Roma 342 nuovi casi. L'allarme di D'Amato: "Siamo a livello arancione". I dati Asl del 16 ottobre

  • Coronavirus, a Roma 462 casi: sono 939 in totale nella regione. C'è un nuovo focolaio nel Lazio

  • Sciopero generale il 23 ottobre: a Roma metro e bus a rischio. Orari e fasce di garanzia

  • A Roma la stretta anti Covid, Raggi chiede più controlli: nel week end task in campo tra movida e periferie

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento