Sabato, 13 Luglio 2024
Attualità

Emergenza taxi a Roma, crescono le proteste. Al via le iscrizioni per la seconda guida

Dal 23 giugno è possibile inviare le richieste per l’iscrizione tramite la piattaforma Taxi Web alla seconda guida. Obiettivo del Campidoglio, aumentare l'offerta di auto bianche ormai introvabili

Le code non accennano a diminuire e le auto bianche non aumentano: la "crisi dei taxi" a Roma si fa sentire sempre più pesante, con lunghe file di persone all'esterno delle stazioni - Termini in primis - e interminabili attese al numero per le prenotazioni. E cresce la rabbia di chi prova a spostarsi in città senza mezzo privato, come dimostrano le decine di tweet corredati da foto che ritraggono sopratuttto la stazione Termini.

"Benvenuti a Roma con la sua coda di centinaia di metri per prendere un taxi a Termini - attacca l'economista Andrea Giuricin postando una foto della lunga coda fuori dalla stazione - 70 minuti per arrivare a Roma da Napoli e poi quasi 60 minuti di attesa per trovare un taxi. Questa è la normalità. Questa è la politica che si è arresa a non fare una riforma dei taxi per favorire una piccola lobby contro l'interesse di milioni di cittadini".

A Giuricin ha fatto eco Carlo Cottarelli, anche lui economista ed ex senatore Pd: "Ma cosa serve avere una delle migliori AV d'Europa se poi quando arrivi a Roma a Stazione Termini devi fare una fila di 45 minuti per trovare un taxi?". Soltanto gli ultimi di una lunga serie di sfoghi condivisi sui social, cui si aggiungono anche gli attacchi delle opposizioni alla giunta Gualtieri per la gestione dell'emergenza.

Al via le iscrizioni per la seconda guida

Il Comune era corso ai ripari a fine maggio con un nuovo regolamento e un’ordinanza che dà il via libera all’introduzione delle cosiddette “seconde guide”, ovvero la possibilità di far circolare la stessa macchina, guidata da due diversi autisti, su più turni durante la giornata. E proprio venerdì, Roma Servizi per la Mobilità ha inviato a tutti i tassisti le istruzioni per l’iscrizione tramite la piattaforma Taxi Web alla seconda guida. Dal 23 giugno, quindi, è possibile nominare un conducente e iniziare a svolgere il secondo turno, permettendo alla stessa vettura di effettuare il servizio fino a 20 ore giornaliere.

“Confidiamo in una vasta adesione da parte della categoria - ha detto l'assessore capitolino alla mobilità, Eugenio Patanè - che svolge un ruolo fondamentale nel servizio di trasporto pubblico non di linea, complementare a quello di linea. Con questo provvedimento, che introduce delle turnazioni integrative dei taxi inserite nei picchi di domanda, puntiamo a garantire un significativo aumento dell’offerta, andando incontro alle esigenze di cittadini e turisti”.

Tra le altre novità ci sono poi un iter più agevole per la trasferibilità delle licenze, e la gratuità, per i tassisti, del servizio ‘Chiama Taxi 060609’, che verrà integrato con tutte le nuove tecnologie applicate alla mobilità, tra cui la MaaS, Mobility as a Service. 

Come funziona la seconda guida per i taxi

La seconda guida, come detto, è la possibilità di far circolare la vettura con un altro guidatore anche alla fine di un turno. Il turno ordinario sarà di norma di 9 ore, mentre quello integrativo sarà di due ore in meno: "Se l’adesione a questa nuova disciplina fosse simile a quella che c’è stata a Milano, a Roma vorrebbe dire l’equivalente di 1000 nuove licenze - aveva detto Patanè - Questa è una scelta che rientra a pieno nel contesto delle novità contenute nel nuovo regolamento del servizio e in una strategia generale che punta all’aumento dell'offerta e all’intermodalità per potenziare il trasporto pubblico" .

Una piattaforma per i turni e licenze sospese al primo sgarro

L’ordinanza si aggiunge alle misure adottate con il nuovo regolamento approvato a metà maggio, che tra le novità principali prevede un nuovo sistema sanzionatorio: eliminato il cosiddetto cumulo di sanzioni, sarà sufficiente la prima infrazione per far scattare la sospensione della licenza. Il regolamento introduce poi la possibilità, da parte del Comune, di definire i turni delle auto bianche tramite una nuova piattaforma web: in questo modo l’amministrazione punta a garantire un numero adeguato di taxi nei momenti di picco della domanda, andando incontro alle richieste dell’utenza che da tempo lamenta l’insufficienza delle auto a disposizione.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Emergenza taxi a Roma, crescono le proteste. Al via le iscrizioni per la seconda guida
RomaToday è in caricamento