Attualità

Tap&go, tre utenti su dieci lo scelgono per viaggiare sui mezzi di Roma

Termini è la stazione dove di più si utilizza questo metodo di pagamento del biglietto

Numeri in crescita costante. Il tap&go, il sistema di bigliettazione digitale introdotto a ottobre 2022 su tutti i mezzi di trasporto di Roma e che consente di pagare il biglietto semplicemente avvicinando la carta di credito o il bancomat al validatore, sta diventando il modo preferito dai romani per viaggiare.

Il tap&go

A dare i numeri sull’utilizzo del tap&go è stato l’assessore ala Mobilità di Roma, Eugenio Patanè, rivendicando come “la città di Roma Capitale e Atac” siano state le “prime in Italia ad aver investito nello sviluppo” del sistema “sia in metropolitana che a bordo di tutte le vetture di superficie (bus, tram e filobus), coprendo tutti gli asset”.

Da ottobre 2022, a maggio 2024, in metro e superficie, sono stati effettuati quasi 47 milioni di tap, raggiungendo punte di quasi 100.000 tap in un giorno. A maggio 2023, cioè solo un anno fa, la media dei tap giornalieri era pari a circa 52.000 tap, mentre a maggio 2024 ha raggiunto oltre 88.000 tap, con un incremento pari al +70%.

Dove si utilizza di più

Patanè ha spiegato che “la stazione di maggior utilizzo è ovviamente Termini ma tra le altre che registrano un alto numero di tap troviamo sia stazioni a caratterizzazione turistica, come Ottaviano, Spagna e Colosseo, che stazioni più utilizzate da city users non turisti, come Bologna e gli importanti nodi di scambio di San Giovanni e Tiburtina”.

Tap&go e Atac

Il marchio “tap&go” sta “crescendo sempre di più, visto che ad oggi è il canale di vendita che più viene associato ad Atac e alla possibilità di viaggiare con il biglietto sempre in tasca”. Ciò è confermato anche dal numero dei viaggiatori unici che è passato dai 5 milioni e 200 mila a gennaio 2024 ai 6 milioni e 200 mila di oggi, “cioè 1 milione di nuovi clienti in più in cinque mesi” esulta Patanè. Addirittura, il 34% dei Bit venduti è effettuato tramite il tap&go, “mentre i canali che consentono di acquistare Bit e Multibit in formato digitale quali tap&go, le nuove biglietterie automatiche, le app terze e il Bit Sms ad oggi rappresentano il 50% del venduto di Bit e Multibit”.

Bilancio in utile

Secondo Patanè, queste nuove modalità di fare il biglietto hanno contributo anche al bilancio di Atac, chiuso con un utile di 11 milioni di euro. il tap&go, oltre ad aumentare i ricavi dalla bigliettazione, ha ridotto  “l’evasione tariffaria, almeno quella parte di cittadini che non pagava, non perché non voleva pagare, ma perché risultava troppo complicato nell’immediatezza o nella fretta di dover prendere un mezzo pubblico recarsi in tabaccheria o all’edicola o alla macchinetta per comprare un biglietto cartaceo”.

Tap&go con Trenitalia

In passato abbiamo raccontato la disavventura di una donna che era stata multata, su un treno regionale, perchè aveva sottoscritto un abbonamento mensile Metrebus col tap&go, slvo poi scoprire che non valeva, a differenza di quello cartaceo o digitale, sui mezzi di Trenitalia. Ora c’è effettivamente la possibilità di accedere ai treni dell’area metropolitana di Roma con un biglietto o abbonamento acquistato tramite tap&go. Non solo. Con lo stesso sistema si accede velocemente al Leonardo Express: in attivazione sia a Fiumicino Aeroporto, sia a Roma Termini. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tap&go, tre utenti su dieci lo scelgono per viaggiare sui mezzi di Roma
RomaToday è in caricamento