Coronavirus, tamponi rapidi dai pediatri: accordo con la Regione Lazio

L'accordo sottoscritto riguarderà gli oltre i 700 medici del servizio sanitario regionale

Intesa raggiunta con i pediatri per libera scelta sui tamponi rapidi per il Coronavirus e le certificazioni di fine quarantena. Lo rende noto l’Unità di Crisi Covid19 della Regione Lazio.

L'accordo, con la FIMP e la CIPE "riguarda l'esecuzione dei test antigenici rapidi o presso i propri studi professionali o, qualora non si disponesse di uno studio idoneo, presso strutture messe a disposizione dalla ASL, dalla Protezione civile o dai comuni. L'attività potrà essere svolta nei giorni festivi, prefestivi, sabato e domenica. Deve essere trasmesso l'esito del tampone secondo le procedure informatiche. La fornitura dei tamponi antigenici e dei DPI viene assicurata attraverso lo stock nazionale del commissario all'emergenza Covid-19". 

"La Regione Lazio mette a disposizione percorsi formativi anche avvalendosi dell'INMI Spallanzani. I pediatri che eseguono il tampone ai propri assistiti che sono risultati positivi dispongono l'isolamento e le certificazioni di fine periodo quarantena. È un ulteriore passo in avanti per agevolare la capacità di testing e gli aspetti relativi alle certificazioni - conclude la nota dell'Unità di Crisi della Regione Lazio -. L'accordo sottoscritto riguarderà gli oltre i 700 pediatri del servizio sanitario regionale”.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Lazio zona arancione? Oggi la decisione

  • Vigili nella bufera, Raggi guarda Report e decide di ruotare gli agenti. In bilico il comandante Napoli

  • Coronavirus, nel Lazio chiusi negozi e supermercati alle 21: la nuova ordinanza della Regione

  • Centro commerciale Maximo di Roma: ecco quali sono i negozi presenti all'interno

  • Tamponi in farmacia a Roma e nel Lazio: dove farli. L'elenco completo e gli indirizzi

  • Vigili fanno sesso in auto a Roma, la commedia sexy si tinge di giallo: spunta l'ipotesi della microspia

Torna su
RomaToday è in caricamento