Street art, i murales del Raccordo Anulare conquistano la Cina

All’Accademia di Belle Arti di Chongqing, megalopoli di 36 milioni di abitanti, proiettata la serie dei 10 documentari che raccontano il GRAArt, l’ iniziativa di street art promossa da Anas

Da Boccea al Torrino Mezzocammino, passando per Gregna Sant’Andrea, Tor Vergatga, Trionfale. Sono stato dieci i quartieri interessati dal progetto GRAArt. I suoi artisti sono arrivati da ogni parte del mondo, dalla Spagna all’Uruguay, passando per Francia e Venezuela. Ed ora le loro opere saranno conosciute anche in Cina.

L'iniziativa

Nell’ambito delle celebrazioni della XX Settimana della Lingua Italiana “L'italiano tra parola e immagine: graffiti, illustrazioni, fumetti", presso l’Accademia di Belle Arti di Chongqing verrà proiettata, fino al 25 ottobre 2020, la serie dei 10 documentari che raccontano GRAArt. Si tratta del progetto, promosso da Anas e patrocinato dal Ministero per i beni culturali, che ha consentito di realizzare 10 murales per riqualificare i muri che sorreggono il raccordo anulare. Un “non luogo” che è stato trasformato in una galleria a cielo aperto che è andata a raggiungere i quartieri della periferia romana.

Una galleria d'arte a cielo aperto

Il GRAArt è un’opera di arte contemporanea urbana, ideato da David “Diavù” Vecchiato, tra i nomi di punta dell’Urban art in Italia e fondatore di MURo (il Museo di Urban Art di Roma) che ha raccolto street artist internazionali che per l’occasione hanno realizzato su rampe e sottopassi, una serie di murales ispirati al mito della Città Eterna.  

Alla conquista della Cina

La realizzazione di ciascuno dei dieci murales che compongono il GRAArt è stata filmata e trasformata in un documentario. Le immagini saranno proiettate nell’Auditorium dell’Accademia di Belle Arti di Chongqing, megalopoli di 36 milioni di abitanti. Saranno anche trasmessi sugli account ufficiali  We-Chat, Facebook e Twitter del Consolato Generale d’Italia a Chongqing. Alla fine del ciclo, gli studenti cinesi realizzeranno un murale su una bozza preparata da David Diavù Vecchiato che, oltre ad aver curato il progetto, ha introdotto anche una video lezione ripresa in ciascun documentario.

Dove sono i murales

Le aree del Grande Raccordo Anulare interessate dalle opere GRAArt sono: Torrino Mezzocammino (via Luigi Guglielmi), Gregna di Sant’Andrea (via Lucio Mariani), Romanina (via Pietro Rosano), Tor Vergata (via della Sorbona), Prenestina (via Collatina), La Rustica (via Damone), Ottavia (via Casorezzo), Trionfale (via Casal del Marmo), Boccea (via di Boccea), Aurelia (via Aurelia).  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vigili nella bufera, Raggi guarda Report e decide di ruotare gli agenti. In bilico il comandante Napoli

  • Primark inaugura a Roma: lunghe file dalle prime ore del mattino

  • Coronavirus, nel Lazio chiusi negozi e supermercati alle 21: la nuova ordinanza della Regione

  • Apre Maximo Shopping Center, un nuovo centro commerciale a Roma: 160 negozi sulla Laurentina. Grande attesa per Primark

  • Tamponi in farmacia a Roma e nel Lazio: dove farli. L'elenco completo e gli indirizzi

  • Vigili fanno sesso in auto a Roma, la commedia sexy si tinge di giallo: spunta l'ipotesi della microspia

Torna su
RomaToday è in caricamento