Attualità Parioli / Via del Forte Antenne, 12

La rinascita di Forte Antenne tra concerti, visite guidate e cinema d'autore

Da 2021 "Il Condominio APS" gestisce l'estate municipale in uno dei 15 forti di Roma. Il 4 luglio dalle 19 l'area coinvolgerà uno degli appuntamenti di "Felicittà", gli Stati Generali del Patrimonio di Roma Capitale

Non è stato facile, ma dopo decenni di abbandono e degrado il Forte Antenne è tornato fruibile in sicurezza alla cittadinanza e dal settembre 2021, durante la stagione estiva, diventa luogo di aggregazione e di manifestazioni musicali, culturali e cinematografiche. Il 4 luglio dalle 19 sarà uno degli spazi pubblici che animeranno la terza edizione di "Felicittà", gli Stati Generali del patrimonio di Roma Capitale organizzati dall'assessorato al patrimonio. 

La storia di Forte Antenne

Realizzato tra il 1882 e il 1891, Forte Antenne si erge sulla collina adiacente a Vlla Ada, nell'area dei Parioli. La posizione è strategia, perché al tempo permetteva di tenere sotto controllo il fronte settentrionale della città. E' uno dei 15 forti di Roma e le sue mura, ancora oggi molto solide, su quei terreni sorgeva la città latina di Antemnae, fondata dai Siculi molto prima della fondazione di Roma. Negli anni '40 venne usato come deposito dal Reggimento Radiotelegrafisti, poi dismesso. Dopo la Seconda Guerra Mondiale venne occupato da famiglie di sfollati e al contempo, dal 1958, venne consegnato al Demanio per utilizzarlo come campeggio in vista dei Giochi Olimpici del 1960. Ma la presenza di numerose famiglie occupanti, fece sì che il campeggio fosse limitato al parco esterno. 

L'arrivo dell'estate romana 

Nel 2017 il II municipio ottenne la gestione del Forte, ma per arrivare ad un progetto vero e proprio di riqualificazione, messa in sicurezza e rilancio è stato necessario attendere altri quattro anni. E' da settembre 2021 che, tramite un bando pubblico per l'estate municipale, è arrivata la gestione da parte de "Il Condominio APS", che recentemente ha vinto nuovamente la concessione anche per il triennio 2024-2025-2026. "Quello iniziato a fine maggio è il quarto anno che siamo a Forte Antenne - spiega Marta Fantini, presidente dell'APS -. Nel corso di questi anni, abbiamo recuperato sempre più spazi all'uso pubblico e ampliato e differenziato la proposta musicale e culturale. Nel 2021 pulimmo la prima corte del Forte, dal 2022 c'è anche l'arena cinematografica che richiama sempre più cittadinanza, anche grazie al livello sempre più alto. L'inaugurazione di quest'anno è stata con Matteo Garrone". 

Una montagna di spazzatura ed eternit 

Gli esordi, tre anni fa, non sono stati semplici: "Abbiamo avuto l'oggettiva difficoltà di togliere montagne di spazzatura, erbe infestanti e materiali abbandonati - prosegue Fantini - incluso molto eternit. E' stato un impegno importante per mezzi e costi, ma per fortuna siamo stati ben supportati dai tecnici municipali e specialisti, come per esempio gli agronomi che ci hanno seguito quando si trattava di tutelare le alberature, capire quali erano da potare o tagliare e quali assolutamente no. Un lavoro enorme, che oggi ci permette di far visitare una buona parte del Forte". 

L'obiettivo per il prossimo triennio

L'obiettivo per il prossimo triennio è quello di bonificare nuove zone, interne al Forte: "Oggi sono in stato d'abbandono, sono vecchi alloggi vissuti dagli sfollati - continua Fantini - e noi vorremmo riconvertirli in sale espositive. Strutturalmente sono spazi solidi, sicuri, li facciamo visitare dalla cittadinanza anche perché sono molto suggestivi, ci sono ancora gli arredi degli anni '50 e '60 con le cucine a carbone rivestite in marmo, le stoviglie nelle dispense. Nelle nostre visite guidate ad oggi facciamo visitare le vecchie fuciliere del Forte, la parte delle gallerie ai livelli -1 e -2, dove c'è anche il meccanismo del vecchio ponte levatoio, poi le stalle diventate anch'esse appartamenti". 

"Felicittà 2024" a Forte Antenne

Giovedì 4 luglio nell'ambito del programma itinerante di "Felicittà 2024", Forte Antenne proietterà l'ultima puntata della serie evento “Alfredino - Una Storia Italiana”, diretta da Marco Pontecorvo. Alfredino Rampi aveva sei anni quando cadde in un pozzo artesiano in località Vermicino: rimase intrappolato per tre giorni e nonostante i continui e disperati tentativi di salvarlo, vi morì dentro. 

Presenterà la puntata, assieme a tanti ospiti, l’attrice protagonista Anna Foglietta, per il secondo grande appuntamento del Cinema a Forte Antenne all’interno del “Festival Del Cinema del II Municipio” eccezionalmente nel programma “Felicittà” dell’assessorato del Patrimonio del Comune di Roma in collaborazione con “Hollywood Tutto sul Cinema”. Proprio a Forte Antenne, 42 anni fa, venne istituito su iniziativa della madre di Alfredino, Franca Rampi, il primo campo di addestramento per ragazzi, dedicato alla gestione emotiva delle emergenze e delle calamità. All'evento del 4 luglio ci saranno anche Rita di Iorio e Daniele Biondo, presidenti onorari della "Alfredo Rampi Onlus". 

L'apertura è prevista alle 19, con visite guidate del Forte tra le 19.30 e le 20.30. Alle 20.30 introduzione con saluto istituzionale della presidente del II municipio Francesca Del Bello, dalle 20.45 proiezione della puntata. Alle 21.45 intervento degli ospiti. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La rinascita di Forte Antenne tra concerti, visite guidate e cinema d'autore
RomaToday è in caricamento