rotate-mobile
Martedì, 28 Maggio 2024
Attualità

Dal governo 6,5 milioni per la sicurezza di Roma. E Gualtieri chiede 200 vigili in più

Il ministro Piantedosi promette per il 2023 uno stanziamento di 15 milioni da suddividere tra la Capitale, Milano e Napoli. La stazione Termini al centro dell'area più a rischio

A dieci giorni dall’invio di una specifica direttiva al prefetto di Roma, il ministro Matteo Piantedosi ha incontrato il sindaco di Roma, Roberto Gualtieri, per discutere del tema sicurezza nella stazione Termini, nell’area che la circonda e in generale in città. 

L’incontro si è tenuto lunedì sera e ha coinvolto, oltre a Gualtieri e al prefetto Bruno Frattasi, anche i sindaci e i prefetti di Milano e Napoli, le altre due città al centro del piano di potenziamento dei dispositivi di sicurezza del ministero. A Roma, ha detto Piantedosi, saranno destinati circa 6,5 milioni di euro (quasi il doppio rispetto a Milano) per intervenire in modo mirato proseguendo l’attività avviata con le operazioni interforze ribattezzate “ad alto impatto”, condotte dallo scorso 10 gennaio a Termini (così come nelle stazioni di Milano e Napoli).

Sicurezza a Termini, si lavora per allargare il perimetro "a rischio"

Controlli che si sono concentrati su malamovida e spaccio di sostanze stupefacenti, con Termini al centro del dibattito sulla sicurezza nelle stazioni anche alla luce dei fatti di cronaca che vi si sono verificati: la sera dell'ultimo dell'anno l'accoltellamento di una turista israeliana, il 5 febbraio la rapina e l'accoltellamento di un 46enne, Arturo Luca Battisti, aggredito da una banda per il suo smartphone e poche decine di euro.

I due episodi avevano acceso i riflettori non soltanto sull'interno della stazione, uno dei principali scali ferroviari italiani, ma anche (soprattutto) sull'area che la circonda, dove le forze dell'ordine e il Comune, sulla base di quanto disposto nel corso delle riunioni del comitato provinciale per l'ordine e la sicurezza, avevano organizzato una serie di controlli "ad alto impatto", con migliaia di persone identificate. 

L'appello di Gualtieri al governo: "Servono 200 vigili in più"

“Vogliamo discutere con il ministro dell'esigenza di allargare il perimetro attorno alla stazione Termini e potenziare le nostre azioni per la legalità e la sicurezza”, ha detto il sindaco Gualtieri, che ha parlato di "rafforzamento della collaborazione, cercando anche di trovare risorse aggiuntive per la ricollocazione dei senza fissa dimora, la videosorveglianza, l'assunzione di più agenti di Polizia Locale, garantire un maggior presidio".

Gualtieri ha confermato quanto già dichiarato dall’assessora con delega alla sicurezza, Monica Lucarelli: la necessità di allargare il perimetro dei controlli rafforzati non soltanto alla stazione, ma anche all’area circostante, individuando gli interventi da portare a termine sul piano sociale (come, per esempio, la presa in carico da parte dei servizi sociali delle persone senza fissa dimora) e quelli di stretta competenza delle forze dell’ordine.

“Dobbiamo quantificare le risorse aggiuntive da dispiegare sul territorio e poi metterci nelle condizioni di potenziare la Polizia Locale - ha detto Gualtieri - Col nuovo bilancio partiamo con 800 nuovi vigili, ma il fabbisogno è di mille. Sulla sicurezza il ministro chiede un maggior coordinamento e un contributo della polizia locale: è una cosa giusta. Ma noi abbiamo bisogno di colmare ranghi che si sono svuotati e rendono insufficiente la presenza sul territorio della polizia locale"

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dal governo 6,5 milioni per la sicurezza di Roma. E Gualtieri chiede 200 vigili in più

RomaToday è in caricamento