rotate-mobile
Sabato, 22 Giugno 2024
Attualità

"C'è un serpente nel pollaio": catturata una vipera adulta alle porte di Roma

L'etologo Andrea Lunerti: "Il consiglio è di mantenere corta l'erba del prato e di non sottovalutare le vipere anche se possono sembrare goffe"

Non era il classico biacco che, per livrea e dimensioni, viene scambiato per una vipera. Il serpente che è stato catturato in un giardino alle porte di Roma era effettivamente il rettile temuto per il suo proverbiale veleno.

La vipera nel pollaio

“Si era nascosta in un pollaio, molto probabilmente perché lì sapeva di poter trovare i topi attratti dal mangime lasciato a terra” ha spiegato l’etologo Andrea Lunerti “il proprietario di quell’azienda agricola nel comune di Morlupo, avendo riconosciuto il serpente, ha giustamente evitato di prendere qualsiasi iniziativa che avrebbe potuto mettere a repentaglio l’incolumità propria ed anche quella della vipera, una specie che è protetta”.

Aumentano gli avvistamenti 

L’animale, una volta catturato, si è rivelato essere una femmina adulta di circa 70 centimetri di lunghezza. Come altri serpenti, in questo periodo dell’anno, terminato il letargo, esce allo scoperto alla ricerca di prede. Ed è così che vengono avvistate dall’uomo. In questo periodo infatti cominciano le segnalazioni di serpenti che possono nascondersi ovunque, in campagna, com’è stato nel caso della vipera, o anche in un banale garage condominiale.

La fine del letargo

“Il metabolismo dei serpenti si attiva in modo efficace dai 18 ai 25 gradi ed è con queste temperature che di conseguenza riescono a dare il meglio dal punto di vista della loro capacità motoria” ha spiegato Lunerti “La vipera rispetto agli altri ofidi italiani riesce ad immagazzinare meglio il calore e ne disperde meno. Taltovolta può sembrare goffa nei movimenti, ed è anche per questo che qualcuno pensa di poterle uccidere a bastonate”. Ma è un errore da non commettere, perché si tratta di una specie protetta, ma anche perché ha delle doti sorprendenti.

I consigli dell'esperto

“Una vipera che si senta minacciata può compiere un balzo di 60/70 centimetri, con una rapidità sorprendente per l’essere umano” ha ricordato l’esperto di animali. Meglio non entrarci in contatto quindi. “Per chi come il signore che mi ha chiamato dispone di un prato, è di tenere l’erba bassa e curata ed anche di non accumulare per troppi giorni gli sfalci” perché potrebbero rappresentare delle tane ideali dalle quali partire a caccia di piccoli prede che, non necessariamente, si trovano in un pollaio.

La vipera catturata da Lunerti

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"C'è un serpente nel pollaio": catturata una vipera adulta alle porte di Roma

RomaToday è in caricamento