Martedì, 15 Giugno 2021
Attualità

Scuole e case popolari al freddo, il Comune: "Stiamo lavorando per risolvere criticità"

Il bilancio del Campidoglio a seguito delle denunce. Trenta le criticità rilevate al momento dell'accensione, cinque gli interventi ancora in corso

Immagine d'archivio

"Sono state rilevate complessivamente circa 30 criticità che hanno dato luogo a diverse segnalazioni. Tra esse, 5 sono ancora in attesa di essere risolte definitivamente". E' il bilancio dei termosifoni spenti in scuole e case popolari del territorio. A seguito di alcune denunce arrivate dagli istituti scolastici e dai residenti in abitazioni Erp (Edilizia residenziale pubblica), il Campidoglio ha chiarito il quadro. 

"Gli impianti termici di proprietà di Roma Capitale sono 2.413, di cui 1.068 sono quelli che afferiscono a scuole o Istituti scolastici" si legge in una nota stampa. "L'Amministrazione capitolina ha aderito alla convenzione Consip SIE3, che garantisce un livello di comfort prestabilito unitamente ad un risparmio sui consumi per 2.225 impianti della città".

E sui disservizi: "All'atto dell'accensione degli impianti sono state rilevate 27 criticità sui 2.225 impianti affidati alla Convenzione Consip SIE3 (pari a circa l'1,2 per centodel totale), e 42 sugli impianti del patrimonio ERP (pari a circa il 22 per cento del totale)".

Nel dettaglio poi per quanto riguarda una segnalazione dal quartiere di Tor Pignettara: "Nell'impianto di riscaldamento ERP in via Diego Angeli 140, è stata sostituita la caldaia e, in seguito all’operazione, è stata registrata la presenza di una valvola di adduzione del gas bloccata che impedisce l'alimentazione della centrale termica. Le dimensioni della valvola sono tuttavia tali da non renderla disponibile immediatamente sul mercato motivo per cui è stata già ordinata direttamente alla fabbrica che la produrrà appositamente". 
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scuole e case popolari al freddo, il Comune: "Stiamo lavorando per risolvere criticità"

RomaToday è in caricamento