rotate-mobile
Attualità San Lorenzo / Piazzale Aldo Moro, 5

Sapienza, inaugurato l'anno accademico con Mattarella e Gualtieri

Il presidente della Repubblica: "Orgoglioso che ci sia una donna a guidare il più grande ateneo d'Europa"

Si è tenuta questa mattina al palazzo del Rettorato l'inaugurazione dell'anno accademico 2021/2022 della Sapienza. Presenti, oltre al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, anche il Sindaco Roberto Gualtieri, il governatore del Lazio Nicola Zingaretti, la Ministra di Università e Ricerca Cristina Messa, la Ministra dell'Interno Luciana Lamorgese, il Ministro della Pubblica Amministrazione Renato Brunetta, il Prefetto Matteo Piantedosi e il presidente del Consiglio Superiore della Magistratura David Ermini. 

Mattarella: "Autoironia, alternanza e temporaneità degli incarichi importanti per chi fa politica"

Mattarella, che si appresta a concludere il suo mandato, si è lasciato andare ai ricordi: "Mi si consente oggi di tornare alla Sapienza dove ho studiato" ha sottolineato il Capo dello Stato, che parlando del ruolo che dovrebbe avere un politico nell'amministrazione del Paese ha specificato l'importanza "dell'articolazione delle funzioni tra organismi diversi, la temporaneità degli incarichi e una buona dose di autoironia, una capacità adeguata di ironia su se stessi, che consente di mantenere quel distacco che rende sempre autentico e non alterato il rapporto con le responsabilità". Mattarella ha infine sottolineato "l'orgoglio del nostro Paese per avere la prima donna rettrice nell'Ateneo più grande d'Europa". 

Gualtieri: "Roma sarà sempre al vostro fianco"

"Alla vostra comunità mi lega un senso di appartenenza - le parole di Gualtieri - , per gli anni qui trascorsi sia come studente che come docente. La Sapienza è stata ed è un presidio di lotta importante contro il Covid. Nell'amministrazione capitolina troverete un alleato attento. Per Roma, la Sapienza è stato un pilastro del suo essere capitale della Repubblica. Invito tutti gli studenti ad essere protagonisti, tanto della vita universitaria quanto di quella della città, perché il vostro sguardo verso il futuro rappresenta una ricchezza per la città".

La rettrice Polimeni: "Alla Sapienza conciliamo eccellenza e inclusione"

Antonella Polimeni, rettrice de La Sapienza, ha tenuto a specificare che l'ateneo "non è solo luogo di Nobel ma anche di inclusività". "Conciliare eccellenza e inclusione - ha sottolineato Polimeni - è una delle missioni di Sapienza in cui crediamo di più. I passi compiuti in questa direzione sono chiari, nello sforzo di fare di Sapienza non solo l'università dove capita di incontrare un premio Nobel, ma una comunità educante, inclusiva, accessibile". "Permettetemi di citare, quali esempi di questa nostra visione, il grande investimento sul counselling psicologico e sanitario per tutta la Comunità nell'ambito del progetto 'Sapienza Salute', l'attenzione ai bisogni delle persone con disabilità che abitano il nostro Ateneo e la progettualità, insieme alla Regione Lazio, di un centro antiviolenza". 

La Ministra Messa: "Vi auguro di far sempre leva sul senso civico"

Infine l'augurio della Ministra Messa a studentesse e studenti "di poter sempre fare leva sul senso civico e rafforzarlo con le conoscenze" ricordando poi "un'ultima azione, che riguarda la comunità, e io mi complimento molto con questa comunità: il ritorno in presenza. Abbiamo ricominciato a incontrarci, a scambiarci idee, saperi anche le sensazioni. Questo è stato possibile grazie al senso civico della maggior parte di tutti di noi, un civismo che ha superato paure, preconcetti, antiscienza, strumentalizzazioni ideologiche, ignoranza".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sapienza, inaugurato l'anno accademico con Mattarella e Gualtieri

RomaToday è in caricamento