rotate-mobile
Martedì, 18 Giugno 2024
Attualità Sant'Alessandro / Via di Marco Simone

Ryder Cup a Roma, partito il countdown per l’evento sportivo più atteso dell’anno

Tutte le informazioni sull'appuntamento che andrà in scena al Marco Simone Golf & Country Club

Il conto alla rovescia è partito. Da lunedì 26 settembre prendono il via gli appuntamenti legati a quello che, a buon diritto, può considerarsi l’evento sportivo più atteso dell’anno: la Ryder Cup.

La storia della competizione

Si appresta a festeggiare i 100 anni la manifestazione sportiva che, nata nel 1927, contrappone una squadra di golfisti dell'Europa ad un’altra che raccoglie i più forti giocatori degli Stati Uniti. Ogni due anni queste compagini si sfidano, con eventi organizzati a turno sul proprio continente. La decisione di assegnare a Roma la manifestazione era maturata nel dicembre del 2015 ed è slittata di un anno a causa del Covid. E’ la prima volta che la Ryder Cup si disputa in Italia e per l’occasione è stata scelto il suggestivo Marco Simone Golf & Country Club: una struttura che si sviluppa, con le sue 27 buche, su una superficie di  150 ettari, nel comune di Guidonia Montecelio.

I numeri attesi per la manifestazione

L’attesa per l’evento è febbrile. I ticket sono andati a ruba e, come si apprende sul sito della Ryder Cup, “i biglietti di solo ingresso al campo per venerdì, sabato e domenica sono esauriti”. Anche gli alberghi sono praticamente sold out e case vacanze e b&b hanno fatto il pieno di prenotazioni. Sono attese 50mila persone al giorno a Guidonia per una manifestazione che, pur avendo nella giornata di giovedì 28 settembre la cerimonia di apertura, prevede una serie di appuntamenti preliminari di tutto rispetto. Ed infatti la lunga settimana della Ryder Cup si apre con la conferenza stampa prevista nella giornata di lunedì 25 settembre a Marco Simone, tenuta dai capitani delle due formazioni.

L'avvicinamento alla Ryder Cup

Nelle tappe di avvicinamento all’attesa “tre giorni”, oltre alla citata conferenza stampa, va ricordata la foto ufficiale che le squadre faranno sulla scalinata di Trinità dei Monti, la cena di gala alle Terme di Caracalla, la Junior Ryder Cup che prende avvio lunedì 25 a Sutri. Ed anche l’All Star Match che mercoledì 27 vedrà sfidarsi appassionati del golf, come l’ex stella del Milan Andriy Shevchenko ed il fuoriclasse del tennis Novak Djokovic.
La copertura mediatica dell’evento è imponente. Oltre ai 250 mila spettatori attesi al Marco Simone Golf & Country Club, è previsto che siano collegati all’appuntamento, con dirette da 170 paesi, circa un miliardo di persone. In Italia sarà seguita dalle dirette della Rai e di Sky a partire dalla cerimonia di apertura che si svolgerà giovedì 28. 

L'impatto sulla mobilità cittadina

La Ryder Cup ha un inevitabile impatto anche sulla mobilità cittadina. Tra i “miracoli” di questa manifestazione va segnalata la frequenza di passaggio dei treni sulla linea B. Nella tratta Laurentina Rebibbia a partire dal 28 settembre e fino al primo ottobre è previsto un convoglio ogni 5 minuti. Un risultato reso possibile dalla contestuale chiusura della linea B1. Le stazioni di Sant'Agnese Annibaliano, Libia, Conca d’Oro e Jonio saranno però servite con un servizio di 20 navette che partiranno da Bologna e che il Campidoglio promette di essere “di ultima generazione e con una frequenza a cinque minuti”. Per raggiungere il circolo golfistico, sarà possibile ricorrere anche ai taxi. La giunta Gualtieri ha firmato un accordo che consente,  per tutto il periodo necessario all'organizzazione ed allo svolgimento della manifestazione, di poter estendere il servizio taxi anche al vicino comune di Guidonia.

Gli effetti della Ryder Cup sulla viabilità

I lavori terminati sulla via Tiburtina

Altra “legacy” della Ryder Cup è l’ultimazione del tratto di via Tiburtina che va da Ponte Mammolo alla rotatoria di Marco Simone. Era un’opera progettata durante l’amministrazione Veltroni che, finalmente, si è conclusa. “Avviata nel 2009  - ha ricordato il Sindaco - si era impantanata ed era diventata un simbolo dei cantieri infiniti di questa città”. Il cantiere, ripreso negli ultimi 2 anni, è terminato in tempo per accogliere gli appassionati della Ryder Cup: un buon risultato da mostrare, su scala planetaria, anche a supporto della candidatura di Roma all’Expo 2030.

Terminato il cantiere infinito sulla via Tiburtina
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ryder Cup a Roma, partito il countdown per l’evento sportivo più atteso dell’anno

RomaToday è in caricamento