Fase 2 bis: riaprono negozi d’abbigliamento e calzature. Le linee guida per la ripartenza

Dal 18 maggio sarà permesso al lavoratori dei negozi di abbigliamento e calzature di riprendere la piena attività. Ecco quali regole vanno rispettate

Foto Pixabay

Lunedì 18 maggio riaprono tutti gli esercizi di vendita di abbigliamento e calzature. Sono rimasti finora chiusi al pubblico, con l’eccezione delle attività rivolte all’infanzia, per limitare la diffusione del contagio da nuovo Coronavirus.

La ripartenza dei negozi di abbigliamento e di calzature deve essere improntata al rispetto d’una serie di regole fissate dall’ordinanza che, il presidente della Regione Lazio, ha firmato il 16 maggio. Contiene prescrizioni ed anche suggerimenti utili per riprendere l’attività in tutta sicurezza dei lavoratori e dei clienti.

Le regole per i lavoratori

All’interno di questa categoria di esercizi commerciali, gestore ed addetti ai lavori devono obbligatoriamente indossare una mascherina per tutto il tempo e, prima di effettuare il proprio turno, dovranno sottoporsi alla misurazione della temperatura. Se è superiore ai 37,5 °C non possono iniziare a lavorare.

Sanificazioni ed igienizzazioni

I locali, la cui sanificazione è stata consentita a partire dal 13 maggio, dovranno essere igienizzati almento due volte al giorno. Gli strumenti di lavoro, i camerini, ma anche i monitor, le tastiere e tutti gli oggetti che vengono al contatto con i clienti vanno invece sanificati quotidinamente. Si consiglia inoltre la sistemazione di barriere fisiche laddove i lavoratori entrano più facilmente in contatto con la propria clientela.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le regole per i clienti 

L’afflusso all’interno dei negozi dovrà essere sempre contingentato in modo da garantire il distanziamento interpersonale di almeno un metro. “I clienti – si legge nell’ordinanza regionale – dovranno attendere il proprio turno di ingresso fuori dal negozio, rispettando il distanziamento interpersonale”. Inoltre anche i clienti sono obbligati ad usare mascherine all’interno dei negozi e devono igienizzare le mani attraverso i dispenser opportunamente predisposti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 13 contagi in 24 ore nel Lazio. "Preoccupazione per aeroporti e stazioni di Roma"

  • Coronavirus: nel Lazio per la prima volta il numero dei guariti supera quello dei positivi

  • Tragedia a Montespaccato: ragazzo di 30 anni trovato morto impiccato nel garage di casa

  • Coronavirus, a Roma appena 2 nuovi contagi in 24 ore: sono 3055 gli attuali casi positivi

  • Coronavirus, a Roma 8 nuovi contagiati in 24 ore: sono 3538 gli attuali casi positivi nel Lazio

  • Coronavirus, a Roma 3 nuovi casi in 24 ore: 3163 gli attuali casi positivi

Torna su
RomaToday è in caricamento