Attualità

"A Roma e provincia 50 classi in quarantena per covid"

Il presidente dell'associazione nazionale presidi del Lazio: "Con l'inverno alle porte e le classi pollaio, si rischia che il virus si diffonda velocemente"

L'anno scolastico in presenza è appena iniziato a già emergono i primi intoppi. L'allarme lo lancia Mario Rusconi, presidente dell'Associazione nazionale presidi Lazio, che ha fatto un primo bilancio della situazione dei contagi a pochi giorni dall'inizio delle lezioni in presenza: "Nel Lazio abbiamo circa 500 scuole e a Roma e provincia saranno più o meno in quarantena 50 classi, tra elementari, medie e superiori".

Rusconi racconta che la fascia d'età è varia e va, per la maggioranza, dai 12 anni in su, questo perché nel mondo della scuola, tra studenti e personale scolastico, ancora on c'è il 100% di vaccinati: "Avvicinandosi l'inverno e non essendo eliminate le classi pollaio il rischio è che la il virus a scuola si diffonda molto velocemente".

Tra i plessi colpiti c'è anche il liceo Kant. La dirigente scolastica, la professoressa Elisabetta Durantini, a RomaToday spiega: "Nel nostro istituto ci sono due classi in quarantena, circa una cinquantina di studenti. Ho già dato indicazioni che lavorino in Dad". Per il rientro in classe, però, ancora c'è un punto interrogativo: "La Asl Roma 2 ancora non ci ha dato indicazioni. Seguo e seguirò quello che l'azienda sanitaria ci dirà. Per il momento hanno chiesto di mettere le classi in quarantena e così ho fatto". 

"Non abbiamo l'anagrafe vaccinale. Non abbiamo diritto di chiedere questi dati e sapere, per esempio quanti vaccinati ci sono a scuola. - sottolinea - In assenza di un obbligo vaccinale e di una rilevazione ufficiale di chi è o meno vaccinato, noi come scuola non abbiamo nessuna possibilità di sapere quanti ragazzi hanno la doppia dose e quanti no. Noi ci stiamo affidando al servizio Scuola Salute e attendiamo loro indicazioni. Il preside non è un autorità sanitaria e ci muoviamo sulla base delle indicazioni che danno, per ora come ha detto la Asl le classi andranno in quarantena".

In quarantena anche due classi del liceo Newton, come racconta il dirigente scolastico Cristina Costarelli: "Quest'anno, rispetto il rientro dalla Dad della scorsa stagione scolastica, non abbiamo linee guida. Sono stati i genitori dei due alunni a dirmi della positività dei loro figli. Ho così agito di conseguenza, mettendo le classi in quarantena e dato l'ok per l'avvio delle lezioni in Dad. Abbiamo segnalato tutto alla Asl Roma 1 che ci ha rimandato ai medici dei famiglia degli studenti. I ragazzi potranno rientrare in presenza solamente dopo aver presentato un certificato medico di avvenuta negatività al Covid. Il problema è che così ci si basa sulle difese immunitarie del singolo e non su protocolli standard definiti e uguali per tutti. Si rischiano difformità". 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"A Roma e provincia 50 classi in quarantena per covid"

RomaToday è in caricamento