Corruzione Capitale, Pignatone: "E' il problema principale della città"

Pignatone, che a maggio lascerà il suo incarico da procuratore capo, ha sottolineato: "Importanti le sentenze che hanno riconosciuto il 416bis"

Il procuratore Giuseppe Pignatone alla Corte di Appello di Roma. FOTO ANSA/GIUSEPPE LAMI

Il problema principale di Roma è la corruzione. Ne è sicuro il procuratore capo di Roma Giuseppe Pignatone che, in occasione dell'apertura dell'anno giudiziario, ha spiegato: "Credo che il nostro sforzo debba essere sulla cifra fondamentale di Roma, la complessità. La Procura ha 16 gruppi di lavoro e nessuno può essere lasciato in favore di altri. Il nostro sforzo è stato quello di far fronte a questa complessità. Secondo me, continuo a dirlo, il problema principale di Roma è la corruzione".

Sul fronte della lotta alla criminalità organizzata, Pignatone, che a maggio lascerà il suo inca rico ha sottolineato: "I clan a Roma e nel Lazio erano ben noti a tutti, secondo me sono importanti le sentenze che hanno riconosciuto il 416bis perché offrono degli strumenti di contrasto a forme di estrema pericolosità, reati come rapine o estorsioni che se esaminati in modo parcellizzato non consentono di cogliere la pericolosità del fenomeno e di adottate strumenti di contrasto adeguati".  

"Aspettiamo il mese di maggio per il resto ma intanto colgo l'occasione per ringraziare i colleghi e il personale di questi uffici. Noi siamo con l'acqua alla gola, è un miracolo che si raggiungono i risultati nelle condizioni date. I buchi del sistema amministrativo sono parte significativa di quello che poi diventa prescrizione. La Procura sente come suo primo obiettivo quello della tutela del cittadino. Il primo di ringraziamento va ai giudici - ha aggiunto - se la Procura ha raggiunto dei risultati è grazie a loro".  

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Per poter giungere ad un corretto esercizio della funzione penale - ha concluso - le indagini devono essere senza pregiudizi, questo è stato l'impegno di questi sette anni e sono sicuro che rimarrà tale".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incendio a Roma Nord, fiamme in un autodemolitore: alta colonna di fumo nero

  • Coronavirus, a Roma 12 nuovi casi: sono 38 in totale nel Lazio. I dati Asl del 10 agosto

  • In fila alle Poste mostra i genitali all'impiegata: "Ora ti faccio vedere io il documento"

  • Incendio a Roma sud, fiamme raggiungono il parco degli Acquedotti: interrotta la linea ferroviaria

  • Il padre provava a venderlo in spiaggia, la mamma lo porta via dall'ospedale senza autorizzazione

  • Coronavirus: a Roma 31 nuovi casi, altri sette nel resto della regione Lazio

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento