Coronavirus: via libera alle passeggiate con bambini, ma con un solo genitore e vicino a casa

Lo stabilisce una circolare del Viminale. Resta vietata l'attività ludica e l'accesso ai parchi

I genitori possono camminare con un figlio minore se vicini alla propria abitazione. E' quanto prevede una circolare firmata oggi, 31 marzo, dal capo di gabinetto del ministero dell'Interno Piantedosi che va a chiarire i divieti imposti dal decreto del 9 marzo scorso che prevedevano la possibilità di spostamenti soli in casi di comprovata necessità.

"Per quanto riguarda gli spostamenti di persone fisiche è da intendersi consentito, ad un solo genitore, camminare con i propri  figli  minori in quanto tale attività può  essere ricondotta alle attività motorie all’aperto", si legge nella circolare. Il documento però impone di restare in "prossimità  della propria  abitazione". Resta però vietato "svolgere  attività  ludica  o  ricreativa all’aperto ed accedere ai  parchi, alle  ville, alle aree gioco e ai giardini  pubblici, si  evidenzia che l’attività motoria generalmente consentita  non  va  intesa  come  equivalente  all’attività sportiva(jogging)".

In merito la ministra per le Pari opportunità, Elena Bonetti, la sottosegretaria alla Salute con delega alla medicina per l'infanzia e l'adolescenza, Sandra Zampa, e Alberto Villani, Presidente della Società Italiana di Pediatria (Sip) hanno pubblicato una nota congiunta: "Se oggi le nostre bambine e i nostri bambini stanno beneè proprio grazie alle misure di contenimento stabilite dal Governo. Alla luce delle tante sollecitazioni che numerose associazioni che tutelano l'infanzia e l'adolescenza hanno rivolto in questi giorni difficili e che sono state recepite dall'Autorità Garante per l'infanzia e l'adolescenza, abbiamo condiviso con il ministro Speranza l'opportunità di consentire a tutti i soggetti in età evolutiva, ossia i minorenni con un età compresa nella fascia d'età 0-18 anni, di poter svolgere attività motorie e ludiche all'aria aperta, ma sempre accompagnati da un familiare, nel rispetto del distanziamento sociale, con un rapporto adulto/minore di 1:1, a meno che non si tratti di fratelli o minori conviventi nella stessa abitazione. Siamo consapevoli che le misure di restrizione adottate fino ad oggi hanno tolto una parte di libertà a bambini e adolescenti ma ne hanno tutelato la salute. Solo continuando a rispettare le regole potranno tornare presto a scuola, a giocare e a fare attività insieme".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Scarica la circolare del Ministero dell'interno e della salute

Allegati

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 13 contagi in 24 ore nel Lazio. "Preoccupazione per aeroporti e stazioni di Roma"

  • Coronavirus: nel Lazio per la prima volta il numero dei guariti supera quello dei positivi

  • Coronavirus, a Roma appena 2 nuovi contagi in 24 ore: sono 3055 gli attuali casi positivi

  • Coronavirus, a Roma 3 nuovi casi in 24 ore: 3163 gli attuali casi positivi

  • Coronavirus: 10 nuovi positivi nel Lazio, dal 3 giugno sorvegliati speciali stazioni ed aeroporti

  • Coronavirus: a Roma 5 nuovi casi, sono 11 in totale nel Lazio. I dati Asl del 27 maggio

Torna su
RomaToday è in caricamento