rotate-mobile
Attualità Testaccio / Via Alessandro Volta

Nessuno chiude più l’area giochi e di notte si trasforma in un parco del sesso

Il giardino é frequentato di giorno dalle famiglie ma con la notte si trasforma in un sito d'appuntamenti

Incontri notturni all’ombra del murale di Lucamaleonte. Succede a Testaccio, all’interno d’uno spazio verde molto utilizzato. Lo è di giorno, per la presenza di arredi ludici che lo rendono attrattivo per famiglie e bambini. Ma anche quando cala il sole c’è chi ha trovato modo di frequentarlo.

“Da circa un mese e mezzo quel giardino rimane aperto anche di notte ed abbiamo ricevuto più segnalazioni, da parte di altri residenti, che venga usato in orario notturno da adulti che lì si incontrano, probabilmente, a scopo sessuale – ha commentato Marco, del comitato Rione Testaccio – Poiché è un’area verde molto frequentata dalle famiglie, non vorremmo che la mattina qualche bambino trovasse ciò che resta di questi incontri”.

Il giardino, situato a poca distanza dal mercato rionale, è per anni stato gestito da un’associazione locale. “Siamo stati noi che, per oltre due anni e mezzi, ci siamo dedicati all’apertura ed alla chiusura del giardino – ha spiegato Goffredo dell’associazione Testaccio in testa – ci occupavamo anche di assicurare un po’ di manutenzione in quello spazio che è molto apprezzato dal territorio. Da un paio di mesi però non ce ne occupiamo più”. 

Un parco del sesso

La mancata chiusura del giardino lo ha trasformato in un luogo alla portata di tutti. Al punto che, su Telegram, è stata attivata un’apposita chat d’incontri. Si chiama TestaccioSex, ed è descritto come “un gruppo di incontri e sex anche outdoor senza distinzione di sesso. Puro divertimento e piacere a Testaccio”. La posizione indicata è in via Alessandro Volta, ad un civico a cui corrisponde il giardino dedicato a Domenico Pertica. Ed è quello “il parchetto” che si trova di fronte un noto ristorante di Testaccio, cui gli utenti fanno riferimento per avere rapporti “di notte all’aperto”.

Dossier - Niente preservativo, orge e prostituzione. Una notte nei parchi del sesso.

La gestione dell'area verde

Il giardino di via Alessandro Volta è adiacente al mercato rionale ed è stato realizzato sopra un parcheggio interrato. Nel 2015 è stato al centro di un processo partecipato, promosso dall'allora minisindaca Sabrina Alfonsi, finalizzato alla redazione delle linee guida per la riqualificazione dello spazio verde. Della sua manutenzione e gestione si era incaricato lo stesso municipio I che, aveva annunciato nel 2017 l'allora assessora Anna Vincenzoni, per l'apertura e la chiusura dei cancelli era stato raggiunto un accordo con l'associazione degli esercenti del mercato. Successivamente se ne sono occupati gli attivisti dell'associazione Testaccio in testa. 

“Nell'inerzia della Giunta municipale, il giardino Pertica di via Alessandro Volta a Testaccio è diventato un luogo di incontri sessuali, come emerge dalle foto e dai gruppi social creati appositamente per darsi appuntamento – hanno commentato Linda Meleo e Federica Festa, rispettivamente capogruppo M5s in Campidoglio ed in municipio I - e pensare che avrebbe dovuto essere un'area giochi, un nido sicuro per le famiglie” scrivono le due che poi si rivolgono al municipio affinchè “si attivi subito” in modo da “restituire il Pertica ai bimbi di Testaccio: hanno il diritto di poter giocare in un'area verde pulita e sicura, lontana dal degrado che regna in città”.

La replica di Comune e giunta municipale

“Il Giardino Pertica è il luogo delle famiglie e dei bambini. Abbiamo fatto una gran fatica per aprirlo e continuiamo come amministrazione a proteggerlo e curarlo” ha promesso il presidente della commissione patrimonio di Roma Capitale Yuri Trombetti.  “Stiamo lavorando da mesi affinché si possa trovare una soluzione per l’apertura e chiusura dei cancelli, in quanto questo servizio non è nel capitolato della manutenzione ordinaria che nel caso specifico prevede la pulizia dell’area due giorni settimanali.  Suggeriamo a chi e è a caccia di un po’ di visibilità agostana di rivolgersi alle forze di Polizia – ha aggiunto l’assessore Stefano Marin – perché quello che viene descritto come suburra a noi non è mai arrivato”.

La promessa dell'amministrazione

Cosa fare quindi per garantire la chiusura dei cancelli dal momento che, come spiegato dall’assessore municipale, è stata l’associazione dei cittadini che l’avevano adottato ad essersi dichiarata “non più disponibile” ad espletare quel compito? “Da domani (venerdì 10 agosto ndr) abbiamo previsto,  in accordo con la ditta del parcheggio interrato che interessa l’area sottostante, che il parco venga aperto alle 8.00 di mattina e chiuso alle ore 20” ha dichiarato Trombetti. Una soluzione che varrà “nelle more di una nuova assegnazione” di quello spazio a chi voglia prendersi cura di quello spazio, così prezioso per l’intero quartiere.

Articolo aggiornato alle ore 18:15 del 10 agosto 2023.


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nessuno chiude più l’area giochi e di notte si trasforma in un parco del sesso

RomaToday è in caricamento