Quattro giorni su una sedia in attesa di essere visitata, l'odissea di una paziente del Casilino

Il racconto della signora Olenzia Felici a Gli Inascoltabili in onda su Nsl Radio

Odissea al Policlnico Casilino. A raccontarla durante il programma Gli Inascoltabili in onda su Nsl Radio e Tv la signora Olenzia Felici degente al Pronto Soccorso dell'ospedale di Torre Maura. "Quattro giorni su una sedia con la polmonite, in stanza fino a nove persone anche chi non è contagiato. Abbiamo dovuto chiedere da mangiare, non ce lo portavano". 

“Sono qui ricoverata da Lunedì scorso per una polmonite da Covid su una sedia come altri, anche chi ha l’ossigeno qui non ha il letto e sta da quattro cinque giorni sopra una poltrona. Non mi trasferiscono da nessuna parte perché mi dicono che non ci sono posti. I primi giorni non ci passavano ne l’acqua ne il cibo poi abbiamo iniziato a chiedere e ci hanno portato da mangiare”

“Il Policlinico Casilino non è un centro Covid, non ha le stanze per il Covid e mi devo per forza trasferire negli altri ospedali ma non è giusto far rimanere le persone quattro cinque giorni le persone in corsia ad aspettare il trasferimento. Non sono isolata, l’altro giorno eravamo in nove dentro questa stanza anche chi aspettava il tampone e poi magari non era positivo ha rischiato di esserselo preso ” “stamattina è venuto un infermiere e mi ha detto signora ma lei è ancora qua a fa la muffa?”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vigili nella bufera, Raggi guarda Report e decide di ruotare gli agenti. In bilico il comandante Napoli

  • Primark inaugura a Roma: lunghe file dalle prime ore del mattino

  • Coronavirus, nel Lazio chiusi negozi e supermercati alle 21: la nuova ordinanza della Regione

  • Apre Maximo Shopping Center, un nuovo centro commerciale a Roma: 160 negozi sulla Laurentina. Grande attesa per Primark

  • Tamponi in farmacia a Roma e nel Lazio: dove farli. L'elenco completo e gli indirizzi

  • Vigili fanno sesso in auto a Roma, la commedia sexy si tinge di giallo: spunta l'ipotesi della microspia

Torna su
RomaToday è in caricamento