Lunedì, 22 Luglio 2024
L'esame di Stato / Montesacro / Piazza Sempione

In piazza Sempione gli studenti cantano "Notte prima degli esami"

Come da tradizione, centinaia di studenti si sono ritrovati davanti alla chiesa dei Santi Angeli Custodi. Gli auguri di Gualtieri ai maturandi: "Roma conta su di voi"

Per un centinaio di maturandi la notte prima degli esami è stata, come da tradizione, in piazza Sempione, con le torce dei cellulari accese a cantare l’iconica canzone di Antonello Venditti. Nella speranza che portasse fortuna per la prima prova, quella di italiano, che gli studenti hanno affrontato oggi, 19 giugno, a partire dalle 8.30. Il video è stato pubblicato su Facebook dell'assessora alla Scuola del municipio III, Paola Ilari. "Si tratta di una tradizione bellissima, che va avanti da anni e che coinvolge tutte le scuole del nostro territorio" spiega. Un altro gruppo di maturandi si è invece radunato, sulle stesse note, davanti al liceo classico Giulio Cesare in corso Trieste. 

Le tracce

Per la poesia è stata scelta "Pellegrinaggio" di Giuseppe Ungaretti, con l'esperienza vissuta dall'autore durante la Prima guerra mondiale; per la prosa un brano dal romanzo "Quaderni di Serafino Gubbio operatore" di Luigi Pirandello, in cui si affronta il tema del progresso tecnologico e si riflette sui suoi possibili effetti. La traccia di ambito storico-politico è un brano tratto da "Storia d’Europa" in cui lo storico e politico Giuseppe Galasso analizza il concetto di "guerra fredda" e il ruolo dell’equilibrio del terrore nella seconda metà del Novecento basato sulla minaccia atomica; per l'ambito artistico-letterario è stato scelto un brano da "Riscoprire il silenzio. Arte, musica, poesia, natura fra ascolto e comunicazione" della giornalista e saggista Nicoletta Polla-Mattiot, che invita a riflettere sul valore del silenzio e sui suoi benefici per la comunicazione; l'ultima traccia è un testo della costituzionalista Maria Agostina Cabiddu pubblicato nella "Rivista AIC (Associazione Italiana dei Costituzionalisti)" sul valore del patrimonio naturale, artistico e culturale italiano e sulla correlazione con il benessere delle persone. In questa tipologia lo studente è chiamato ad effettuare una riflessione critica a carattere espositivo-argomentativo su tematiche di attualità. Due i brani proposti: un testo di Rita Levi Montalcini da "Elogio dell'imperfezione" e uno da "Profili, selfie e blog. La forma diario nell'epoca di Internet" di Maurizio Caminito. Gli oltre 38mila studenti di Roma e provincia hanno 6 ore per completare la prova, scegliendo una tra le tracce disponibili.

Gli auguri di Gualtieri

Ai maturandi sono arrivati anche gli auguri di Gualtieri, tramite un reel condiviso su Instagram: “So bene quanto sia importante per voi, so cosa si prova e come ci si sente – spiega il sindaco – ricordo bene la mia sera della vigilia di tanti anni fa, sono momenti in cui ci sono tensioni, paura, e anche un po’ di incertezza, è assolutamente normale”. E ancora. “Non abbiate paura di dimostrare chi siete e cosa sapete fare, è il vostro momento, fate sapere quanto valete, la vostra capacità di ragionare e affrontare le sfide ed esprimere le vostre idee. Roma conta su di voi, sul vostro entusiasmo, sulla vostra voglia di realizzarvi e di cambiare il mondo. Un grandissimo in bocca al lupo a nome di tutta la città di Roma”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

In piazza Sempione gli studenti cantano "Notte prima degli esami"
RomaToday è in caricamento