rotate-mobile
Lunedì, 5 Dicembre 2022
Attualità

No Green pass, la protesta a Roma: sit-in al Circo Massimo blindato

La manifestazione dei No Green Pass è stata promossa dalle Sentinelle della Costituzione. Nessun incidente nel corso della mattinata

Sono arrivati alla spicciolata al Circo Massimo i No Green Pass che, dalle 15, hanno iniziato ad animare il Circo Massimo, blindato dalle forze dell'ordine con il comizio anti certificazione verde e contro la "dittatura sanitaria", inziato poco dopo le 16:30. Qualche momento di tensione all'arrivo dei primi giornalisti, ma nessun incidente. La manifestazione, la prima dopo gli scontri di sabato, è stata da subito controllata da polizia e carabinieri mentre tutta la zona attorno al Circo Massimo è stata resa praticamente inaccessibile se non a piedi. 

Un clima sereno con anche un episodio di "pacificazione" (così è stato chiamato da chi era in piazza) con le forze dell'ordine. A organizzare la protesta le Sentinelle della Costituzione, coordinate dal sindacato Fisi e dall'avvocato Edoardo Polacco che, sui social, in questi giorni ha diffuso diversi appelli. 

Proprio per questo motivo la Questura e la Prefettura, ieri, avevano negato ai manifestanti prima Santi Apostoli e poi anche la Bocca della Verità, ritenute entrambe troppo piccole e vicine agli uffici comunali e alle sedi istituzionali. Per l'occasione è stato approntato un servizio d'ordine interno per non far entrare infiltrati violenti composto da parte di circa 200 avvocati di tutta Italia.  

La manifestazione dei no Green Pass a Roma

Nel pomeriggio, spazio poi al "grande raduno" dei No Green Pass. I manifestanti si sono professati "sentinelle della Costituzione" e "non contrari al vaccino, ma al Green Pass indiscriminato". Tra la folla si sono vista diverse bandiere blu di Italexit e altre a favore dell'avvocato Edoardo Polacco, noto anche per aver difeso alcune delle mamme di Bibbiano: "Avevamo chiesto alla polizia una piazza per circa mille persone ma alla fine il Questore ha avuto ragione. Siamo diecimila, non mille", ha detto.

"Non abbiamo nessuna aderenza con Forza Nuova e con nessun altro partito", ha poi aggiunto l'avvocato Polacco: "Siamo qui per ristabilire l'equilibrio sociale - ha sottolineato - Questa è la nostra piazza, quella dei lavoratori che chiedono il rispetto dell'articolo 1 della Costituzione. Non mi si deve chiedere una tessera per lavorare. Quella della scorsa settimana era una manifestazione diversa, provocatoria. Noi stiamo chiedendo il rispetto della Costituzione. Dalla pandemia siamo ormai usciti mentre gli altri paesi stanno rallentando e riaprendo l'Italia ha inventato il Green pass".

Tanti i presenti. Qualcuno ha sbandierato una foto di Giuseppe De Donno, il primario del plasma iperimmune morto a fine luglio e divenuto eroe dei manifestanti. Un manifestante si è presentato con una maglia in cui la parola Covid diventa acronimo: Confondere, Occultare, Vigilare, Intimidire, Distanziare. Un clima comunque sereno, molto diverso rispetto a quello visto sabato scorso

green pass-5-9

I cori: "Giornalisti terroristi" 

Da registrare, però, ancora una serie di accuse alla stampa, rea di foraggiare "la dittatura da covid". I manifestanti si sono scagliati verbalmente su alcuni giornalisti e videomaker presenti. "Giornalisti terroristi", hanno cantato. Altri, invece, hanno consigliato loro di "andare via da qua, non vi vogliamo. Stiamo in questa situazione grazie a voi, perché vi hanno pagato". Inutili i tentativi della stampa di costruire un dialogo coi manifestanti. "Mercenari venduti, avete distrutto un Paese", la loro risposta. 

Fiori alle forze dell'ordine 

Momento evocativo, il gesto di pace con le forze dell'ordine. "Seguite le donne con il fiore in mano, questo è un gesto di pacificazione nazionale", hanno detto gli organizzatori dal palco del Circo Massimo annunciando la consegna da parte di un gruppo di donne di rose alle forze di polizia che hanno presidiato la protesta. Il gruppo di donne si è avvicinato ai blindati e ha consegnato i fiori ai poliziotti.

Anche in mattinata, a Roma, la situazione è stata sempre tranquilla. Attimi di tensione solo intorno alle 9 quando un gruppo di una ventina di persone contrarie al Green Pass ha fatto una manifestazione estemporanea in via Labicana bloccando per breve tempo il traffico. Sul posto sono intervenute le forze dell'ordine che hanno allontanato i manifestanti.

fiori no green pass-2

  

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

No Green pass, la protesta a Roma: sit-in al Circo Massimo blindato

RomaToday è in caricamento