Neve alle porte di Roma: imbiancati i monti della provincia

Mezzi spargisale in azione sul monte Livata. Fiocchi anche a Rocca di Papa e sul monte Guadagnolo

La zona di Campo dell'Osso a Subiaco

Feste di Natale sotto un manto bianco nei Comuni montani della provincia di Roma. Continua a scendere la neve sulle montagne alle porte della Capitale, monte Livata, monte Guadagnolo, Rocca di Papa ai Castelli Romani, monte Gennaro, senza dimenticare la cosiddetta “Montagna dei Romani”, il Terminillo che si trova in provincia di Rieti. Neve inevitabilmente associata al ghiaccio, con i mezzi spargisale in azione sulle strade provinciali. 

Come informa Teresa Zotta, Vice Sindaco della Città Metropolitana di Roma, “i mezzi spazzaneve sono al lavoro sulle strade del territorio metropolitano nelle zone interessate dalle precipitazioni nevose che hanno caratterizzato i giorni delle feste natalizie. Il Dipartimento viabilita’ di Citta’ metropolitana, ha messo a disposizione mezzi e personale soprattutto a Livata e Campo dell’Osso dove le strade provinciali sono state liberate dalla neve. Continueremo a monitorare la situazione per consentire di mantenere costante la sicurezza nelle nostre strade”.

Neve che ha interessato anche la zona dei Campi D’Annibale, ai Castelli Romani, il monte Gennaro, nel Comne di Marcellina, con il monte Guadagnolo (nel territorio di Caprinica Prenestina) imbiancato oramai da diversi giorni. Stesso scenario bianco al Terminillo.

Le nevicate, come informa 3Bmeteo, proseguiranno nelle prossime ore, così come la pioggia che sta interessando queste ore Roma ed il Lazio. “Lunedì - prevede 3Bmeteo - una nuova perturbazione, collegata ad un vasto vortice freddo posizionato tra Francia e Inghilterra, investe le regioni centrali tirreniche. Di nuovo maltempo dunque con piogge e rovesci a carattere temporalesco che interesseranno il territorio nel corso della giornata, a partire dalla Toscana, con estensione ad Umbria e Lazio. I fenomeni risulteranno localmente anche di forte intensità in particolare su Versilia e Apuane, dove si potranno accumulare oltre 50-60 mm. Neve copiosa sull'Appennino, specie toscano, in genere dai 1100-1400m. Venti forti da Sud, raffiche oltre 70-80 km/h sulle coste, Maremma, Metallifere, alto Lazio e settori appenninici. Mare molto mosso o agitato".

Freddo a Roma, la Capitale si prepara al rischio neve e ghiaccio: l'ordinanza di Raggi

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Zona arancione, cosa si può fare e cosa no a Roma e nel Lazio dal 17 gennaio

  • Roma e Lazio in zona arancione: l'annuncio dell'assessore D'Amato

  • Chi è Manolo Gambini il detenuto evaso da Rebibbia dopo aver scavalcato la recinzione

  • Coronavirus, Roma e il Lazio verso la zona arancione: indice Rt e ricoveri oltre la soglia. Cosa cambia

  • Sabato zona gialla a Roma e nel Lazio: il 16 gennaio giornata limbo prima della stretta

  • Coronavirus, a Roma e nel Lazio la situazione sta peggiorando: "Si è perso il controllo dei contagi, vi spiego perché"

Torna su
RomaToday è in caricamento