menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Controlli a Trastevere (foto Ansa)

Controlli a Trastevere (foto Ansa)

Mascherine obbligatorie all'aperto, scatta la task force: controlli a tappeto sui mezzi e nei luoghi di movida

Vertice in Prefettura per mettere a punto un piano di intervento. Multe di 400 euro per chi non rispetta la nuova ordinanza

Controlli a tappeto per assicurare che la mascherina venga indossata anche all'aperto. Ieri una nuova ordinanza della Regione Lazio ha fissato l'obbligo di coprirsi naso e bocca anche in strada, misura ritenuta necessaria data la crescita di contagi nelle ultime settimane. Ora però tocca far rispettare la norma. Da qui il vertice in Prefettura per pianificare nuove azioni mirate. Si parte quindi con controlli durante il weekend appena partito nei luoghi della movida e nei punti di interesse turistico. Poi, nei giorni infrasettimanali, anche nei principali luoghi di assembramento, ivi compresi gli istituti scolastici, ma anche stazioni ferroviarie, metropolitane e più in generale del trasporto pubblico locale. 

L'ordinanza regionale: mascherine obbligatorie anche all'aperto

Questa la decisone del Comitato provinciale ordine e sicurezza convocato nel pomeriggio di ieri nella sede della Prefettura di Roma. Seduti al tavolo oltre al Prefetto Matteo Piantedosi e i rappresentanti delle forze dell'ordine romane, anche Andrea Tardiola, Segretario generale della Regione Lazio e Marco Cardilli, Delegato alla sicurezza del Comune di Roma. I controlli verranno effettuati dalle forze dell'ordine nell'ambito dei normali servizi di controllo del territorio.

Scopo dei controlli e della presenza delle forze dell'ordine sul territorio, spiegano dalla Prefettura, sarà quella di prevenzione e sanzione in caso di necessità. Per chi non indossa la mascherina, la sanzione ammonta a 400 euro, con una riduzione del 30% se viene pagata entro 5 giorni. 

L'appello di Zingaretti

"Non prevediamo in questo momento alcuna forma di contenimento degli orari dei negozi o dei bar o dei pub perchè confidiamo che queste misure di tracciamento nelle scuole e nei drive-in ci consentiranno di togliere dalla vita sociale i positivi" ha detto ieri il governatore del Lazio Nicola Zingaretti, illustrando i contenuti della nuova ordinanza. Poi ha rivolto un "appello agli uffici pubblici, ai dirigenti delle amministrazioni, agli artigiani, commercianti e ristoratori, che ringrazio perchè sono un presidio di sicurezza: insieme all'obbligo delle mascherine invito tutti a tornare a ricordarsi i consigli per esercizi commerciali e cioè nei ristoranti la distanza di sicurezza, prendere almeno un numero di telefono per ogni tavolo, e creiamo i locali dove si misura la temperatura. Dobbiamo tornare ad adottare quei provvedimenti elementari utili a fermare la curva del contagio fine all'arrivo del vaccino". 


 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid, Daniele De Rossi ricoverato allo Spallanzani

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • De Magna e beve

    La vera storia della carbonara: origini e curiosità

  • De Magna e beve

    Carbonara: 7 errori comuni da non fare mai

  • Attualità

    La bufala del vaccino su chiamata a Roma

  • Cultura

    La Roma di Stefania Orlando

Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento