Domenica, 21 Luglio 2024
Attualità

"Un mare di vita": il programma dedicato alle donne in cura per il tumore al seno

Fra le acque dell'Albania e della Grecia ha preso piede la seconda edizione del programma "Un mare di vita" che affianca il percorso clinico delle donne in cura per il tumore al seno con quello emotivo

Milena e Raffaella sono le due protagoniste della seconda edizione del progetto sociale “Un Mare di Vita” dalla sinergia fra Progetto Mediterranea e Fondazione Prometeus di Roma, onlus che collabora con le istituzione ospedaliere e universitarie, dedicato alle donne in cura per il tumore al seno.

L’iniziativa consiste nel favorire un percorso di cura emotivo che affianchi quello clinico attraverso la navigazione a vela nelle acque del mediterraneo tra l’Albania e la Grecia. Il programma prevede di portare a bordo le donne operate per il tumore della mammella e che hanno vissuto mesi complicati per aiutarle a recuperare con la condivisione di spazi comuni e la convivenza con le altre persone e vivere un’esperienza unica.

A spiegare nel dettaglio il progetto è Francesca Piro, Co-fondatrice e presidente di Associazione Progetto Mediterranea: “È una spedizione nautica, culturale, scientifica e sociale, nata nel 2013 con lo scrittore Simone Perotti, co-fondatore con me. Svolgiamo un programma di navigazione per incontrare il popolo del Mediterraneo con testimonianza di scrittori, filosofi e giornalisti, intellettuali e gente comune. Circa 700 persone si sono avvicendate a bordo dell’imbarcazione in questi undici anni. È anche una sperimentazione di convivenza sociale nuova, diversa, rispetto alla solita vita di tutti i giorni. 

“L'invito che ti fa Mediterranea è di portare dentro questa disponibilità al vacillare, lasciarsi andare alle onde ignorando cosa può accadere dopo, puoi fermarti in un porto sicuro e riposare o ancora barcollare con le onde, immergerti nel mare profondo, sonnecchiare in una baia ombrosa, incontrare delfini che ti accompagnano solo per il tempo di riempirti il cuore di fiducia prima che tu possa riprendere il viaggio negli abissi di te stesso” racconta Raffaella. Le fa eco anche Milena: “Il viaggio su Mediterranea non è stata una vacanza, ma un viaggio introspettivo. Sono stata fortunata a fare questa esperienza”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Un mare di vita": il programma dedicato alle donne in cura per il tumore al seno
RomaToday è in caricamento