Sanità, protesta dei lavoratori del Policlinico Umberto I: "Pronti allo sciopero"

La mobilitazione organizzata dai sindacati Fp Cgil Rieti Roma Eva, Cisl Fp Roma Capitale Rieti e Uil Fpl Roma e Lazio. Al centro delle rivendicazioni orario di lavoro, bonus Covid e attività post-emergenza

Va verso lo sciopero la mobilitazione dei lavoratori dell'ospedale Policlinico Umberto I. E' quanto deciso nel corso di un'assemblea sindacale che si è tenuta questa mattina all'interno della struttura sanitaria, terminata con un corteo davanti alla direzione generale dell’azienda ospedaliera. Secondo quanto denunciano i sindacati Fp Cgil Rieti Roma Eva, Cisl Fp Roma Capitale Rieti e Uil Fpl Roma e Lazio, la decisione è stata presa in quanto la direzione non ha ricevuto i lavoratori. Al centro delle rivendicazioni orario di lavoro, bonus Covid e attività post-emergenza.

“Dall’azienda è ancora e solo muro di gomma. Nessun confronto e nessuna apertura rispetto a tutti gli atti unilaterali, illegittimi, di cui abbiamo chiesto il ritiro", denunciano Francesco Frabetti (Fp Cgil  Rieti Roma Eva), Giovanni Fusco (Cisl Fp Roma Capitale Rieti) e Fabio Ferrari (Uil Fpl Roma e Lazio). "La direzione è arroccata su posizioni indifendibili, tanto che si è rifiutata persino di ricevere una delegazione dei tantissimi lavoratori che hanno partecipato all’iniziativa di oggi con Cgil Cisl e Uil. E il verdetto dell’assemblea è stato chiaro: non ci fermeremo, andremo avanti con la mobilitazione, pronti ad incrociare le braccia per difendere diritti e dignità dei lavoratori e continuità assistenziale per i pazienti".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Continuano nella nota: "L’azienda insiste nel voler imporre il prolungamento dell’orario di lavoro per gli operatori impegnati nelle attività ambulatoriali, senza curarsi del fatto che questa è materia di contrattazione. E poi ci sono i bonus Covid negati alla stragrande maggioranza dei lavoratori, ignorando quanto definito dagli accordi tra Cgil Cisl Uil e Regione, le indennità di malattie infettive non riconosciute, la calendarizzazione del piano della performance mai programmata, gli accordi su indennità e produttività disapplicati, i trasferimenti di personale tra i reparti senza alcuna informazione, i rischi per il salario accessorio e per le ferie dei dipendenti”, attaccano i sindacalisti. 
"Abbiamo chiesto anche alla Regione Lazio di intervenire, ma l’unica risposta è stata il silenzio", concludono Frabetti, Fusco e Ferrari. "Se l’azienda vuole lo scontro, i lavoratori hanno dimostrato di non volersi tirare indietro. Prepareremo tutte le iniziative necessarie, proteste, assemblee, flash-mob, fino ad arrivare allo sciopero di tutto il personale".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Concorso Comune di Roma, pubblicati i bandi: 1512 i posti a disposizione, tutte le informazioni

  • Conosce anziana in treno e la violenta nel vagone, arrestato 28enne

  • Incendio a Roma Nord, fiamme in un autodemolitore: alta colonna di fumo nero

  • Case Ater all’asta: da Garbatella a Trionfale 18 immobili finiscono sul mercato

  • Scuola, nel Lazio il rientro è a ingressi scaglionati: ecco le fasce orarie

  • Coronavirus, a Roma nove nuovi casi: sono 18 in totale nel Lazio. I dati Asl del 6 agosto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento