menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

La street art irrompe al liceo: davanti al Giulio Cesare un’opera per la didattica “in presenza e in sicurezza”

L'installazione artistica della street artist Laika sulle scalinate di Corso Trieste: un computer portatile sul quale è disegnato uno studente che tenta di uscire dallo schermo

Un computer portatile sul quale è disegnato uno studente che tenta di uscire dallo schermo. E’ questa l’ultima opera della street artist Laika. L’installazione è comparsa davanti allo storico Liceo Giulio Cesare proprio nel giorno in cui alle superiorii riprendono le lezioni in presenza. “2021: in presenza, in sicurezza” - il titolo dell’opera di Laika sulla didattica a distanza. 

Le superiori tornano a scuola: l'opera di street art davanti al Giulio Cesare

"Per i ragazzi tornare a scuola è fondamentale per riacquistare la socialità perduta, per permettere agli studenti più in difficoltà di recuperare. Questi mesi hanno dimostrato che la didattica in presenza non è sostituibile. L’ISTAT segnala che il 45,4% degli studenti di 6-17 anni (pari a 3 milioni 100mila) ha difficoltà nella didattica a distanza per la carenza di strumenti informatici in famiglia, che risultano assenti o da condividere con altri fratelli o comunque in numero inferiore al necessario. La scuola - ha commentato l’artista - dovrebbe essere una priorità per il nostro paese. Le istituzioni hanno l’obbligo di garantire il normale svolgimento delle lezioni rispettando tutte le norme anti contagio.Negli ultimi anni la spesa per l’istruzione é stata costantemente tagliata, è il momento di invertire la rotta".

Scuola, scioperi e sit in

Un’opera, realizzata su un supporto “insolito” rispetto ai soliti poster, che è soprattutto un augurio a tutti gli studenti affinché la didattica, nel 2021, torni ad essere in presenza e in sicurezza. E’ quello che chiedono anche gli studenti in protesta da settimane: questa mattina, con gli occhi puntati sul trasporto pubblico, non sono mancati sit-in e scioperi di chi non ritiene che le misure adottate siano sufficientemente sicure, specie con i contagi in aumento e un andamento della curva che almeno nel Lazio non fa ben sperare. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento