menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Lazio zona gialla: l'annuncio della Regione in attesa della conferma dal Governo

D'Amato: "I ricoveri per la prima volta dal 31 ottobre tornano sotto quota 2 mila (1.995) un segnale importante"

Il Lazio rimarrà in zona gialla anche la prossima settimana, per la soddisfazione - soprattutto - di bar e ristoranti. O almeno questa è la lettura dell'assessore alla Sanità laziale Alessio D'Amato che, anticipando Cts e decisione del Governo, ha spiegato: "Dai dati in nostro possesso del monitoraggio dell’Istituto Superiore di Sanità (ISS) il Lazio dovrebbe rimanere in zona gialla con un valore Rt a 0.95, una riduzione del numero dei nuovi focolai, una riduzione del tasso di occupazione dei posti letto totali di terapia intensiva e di quelli in area medica entrambi al di sotto delle soglie di allerta".

"Riduzione dell'incidenza per 100 mila abitanti"

L'assessore ha anche aggiunto che "vi è una riduzione dell'incidenza per 100 mila abitanti. Come sempre diciamo i colori non sono un concorso a premi, ma il frutto del rispetto da parte dei cittadini delle regole di prevenzione. La zona gialla non è mai un disco verde o un tana libera tutti, anzi aumenta la responsabilità e il rigore. Ovviamente attenderemo le valutazioni finali dell’ISS e del Ministero della Salute", ha specificato.

Calano i ricoveri

Nella serata di ieri, inoltre, D'Amato al videoconferenza della task-force regionale per Covid-19 con i direttori generali delle Asl e aziende ospedaliere, policlinici universitari e l'ospedale pediatrico Bambino Gesù a seguito del bollettino dei dati di Coronavirus a Roma e nel Lazio del 18 febbraio, ha aggiunto un altro elemento: "I ricoveri per la prima volta dal 31 ottobre tornano sotto quota 2 mila (1.995) un segnale importante, si iniziano a vedere i primi effetti della campagna vaccinale".

agenas-3

Come a dire: anche gli ospedali stanno bene, non solo l'indice Rt. Ed effettivamente anche i dati Agenas lo dimostrano con terapie intensive e ricoveri sotto le soglie a rischio delimitare dal Ministero della Salute. 

Lazio in zona gialla: le regole

Con il Lazio in zona gialla, tra le norme essenziali da ricordare sempre ci sono: l'obbligo di indossare la mascherina quando si esce di casa e il divieto di uscire da casa tra le 22 e le 5 (si può uscire esclusivamente per motivi di lavoro, di salute o casi di necessità). Stabilita anche la chiusura dei centri commerciali nei giorni festivi e prefestivi, ma rimangono aperti al loro interno i negozi alimentari e le farmacie. 

Cosa si può fare e cosa no in zona gialla

Gialla-2

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento